IgNobel 2017: la scienza bizzarra premiata dai Nobel

Gatti liquidi, coccodrilli e slot machine, peni femminili e la dimostrazione che i gemelli sono uguali: le ricerche che si sono aggiudicate il premio più irriverente dell'anno.

cor_42-21272563
Gemelli uguali, proprio gemelli-gemelli. | Image Source/Corbis

Ieri sera, alle 18:00 ore di Harvard, è andata in scena la serata di gala IgNobel 2017, con la consegna dei premi. Quest'anno sono state introdotte anche nuove categorie, per "ricerche serie", pubblicate su riviste scientifiche prestigiose, purché oggetivamente strampalate.

 

Millecinquecento spettatori, armati dei consueti aeroplanini di carta, hanno assistito alla premiazione dei (sfortunati) vincitori che si sono visti consegnare il temuto riconoscimento direttamente dalle mani di tre premi Nobel: Eric Maskin (economia, 2007), Oliver Hart (economia, 2016) e Roy Glauber (fisica, 2005). Ecco l'elenco delle ricerche premiate. Non possiamo che partire da quella tutta italiana:

 

Gemelli uguali. Il premio IgNobel per la cognizione è andato a un team italiano (Università La Sapienza di Roma e Istituto Superiore di Sanità) “per aver dimostrato che molti gemelli identici non sono in grado di distinguersi visivamente gli uni dagli altri". La ricerca è stata pubblicata sulla rivista PlosOne. Hanno ritirato il premio Matteo Martini e Ilaria Bufalari, due degli autori dello studio.

 

Il gatto liquido. Sappiamo che la materia può certamente assumere uno di questi tre stati: solido, liquido o gassoso. Ma a Marc-Antoine Fardin, del Laboratoire de Physique alla École Normale Supérieure di Lione, è sorto un dubbio osservando che, come l'acqua, i gatti assumono la forma dei contenitori in cui vengono inseriti. Da questa considerazione è nato lo studio, pubblicato su Rheology Bulletin, che ha condotto Fardin alla vittoria dell'IgNobel per la fisica 2017 "per aver utilizzato la dinamica dei fluidi per rispondere alla domanda "può un gatto essere solido e liquido?". Nessun gatto è stato liquefatto nel corso dello studio...

 

Tra moglie e marito. Mettetici un didgeridoo! Il tradizionale strumento musicale degli aborigeni australiani è valso al gruppo guidato da Milo Puhan l’IgNobel 2017 per la pace (tra conviventi). Lo studio, pubblicato sul prestigioso British Medical Journal, ha rilevato che il suono del didgeridoo induce degli effetti benefici nella sindrome da apnea ostruttiva nel sonno. In altre parole, vi eviterà di russare. Con buona pace del vostro vicino di letto.

 

Arturas Zuokas, IgNobel per la pace 2011 per avere dimostrato che "il problema del parcheggio selvaggio può essere risolto facilmente". |

La dipendenza del coccodrillo. L'IgNobel per l'economia è andato all'australiano Matthew J. Rockloff e all'americana Nancy Greer per lo studio pubblicato su Journal of Gambling Studies. I due ricercatori hanno osservato che la propensione a scommettere alle slot machine varia in base alle emozioni che vi suscita tenere al guinzaglio un coccodrillo vivo. Se ciò vi indurrà delle emozioni positive tenderete a scommettere di più, altrimenti la vostra propensione al rischio diminuirà.

 

Le orecchie di nonno Dumbo. A volte per raggiungere traguardi importanti occorre attendere a lungo. James A. Heathcote ha dovuto aspettare ben 22 anni per vedere premiato ieri il suo articolo apparso sul British Medical Journal nel 1995. La ricerca di Heathcote cercava di comprendere perché agli anziani crescono le orecchie. Il suo contributo però si chiudeva affermando che “il motivo per cui le orecchie dovrebbero crescere mentre il resto del corpo smette di farlo non trova risposta in questa ricerca”. L'IgNobel per l'anatomia è meritato.

 

L'IG Nobel 2015 per la biologia è andato alla ricerca che ha scoperto che attaccando un bastone di plastica abbastanza pesante (come quelli che si usano per fare ginnastica) al posteriore di un pollo, l'animale inizia a camminare come si pensa si muovessero i dinosauri. | Richard Bailey/Corbis

La cena di dracula. Un gruppo di ricerca guidato da Fernanda Ito, dell'Universidade Federal de Pernambuco, in Brasile, è salito sul palco del Sanders Theatre di Harvard per ritirare il nuovo IgNobel per la nutrizione "per la prima relazione scientifica sul sangue umano nella dieta del vampiro peloso". Lo studio, apparso su Acta Chiropterologica, ha potuto osservare che i pipistrelli della specie Diphylla ecaudata, in mancanza delle prede consuete (polli e uccelli selvativi), hanno iniziato a nutrirsi di sangue umano. Lo studio potrebbe risultare più serio del previsto considerando che questa specie di pipistrelli potrebbe essere collegata alla diffusione della rabbia.

 

Formaggio? No, grazie. “Per aver utilizzato tecniche avanzate di scansione cerebrale per misurare il livello di disgusto delle persone verso il formaggio": con questa motivazione Jean-Pierre Royet e i suoi colleghi francesi del Lyon Neuroscience Research Center sono stati insigniti dell'IgNobel 2017 per la medicina. In uno studio pubblicato su Frontiers in Human Neuroscience i ricercatori hanno analizzato l'attività cerebrale di un gruppo di volontari mentre annusavano formaggi puzzolenti. Lo studio sembra aver così individuato una zona del cervello che si attiverebbe nei soggetti a cui il formaggio non piace.

 

Numerose ricerche associano l'essere sposati a un minore rischio di sviluppare malattie cardiovascolari, diabete e problemi respiratori (soprattutto per gli uomini). Una migliore situazione economica (data dal doppio stipendio) e una più intensa rete di relazioni sociali possono garantire a chi è in coppia da molto tempo migliori condizioni di salute. Allo stesso tempo le relazioni stressanti sono collegate a un rischio maggiore di problemi cardiovascolari; stare in coppia fa ingrassare (perché si cucina di più e si fa meno movimento); e chi è single, ha un buon lavoro ed è circondato da amici non ha nulla da invidiare a chi sfoggia una fede al dito. La formula matematica dell'amore | Radius Images/Corbis

Insetti transgender. Un team internazionale (Giappone, Svizzera e Brasile) si è, invece, aggiudicato l'IgNobel per la biologia. I ricercatori hanno fatto, nel 2016, una scoperta sorprendente: nelle caverne brasiliane hanno individuato degli insetti, del genere Neotrogia, in cui gli organi sessuali sono invertiti - le femmine presentano degli apparati genitali esterni simili al pene maschile che, invece, presentano delle "vagine". Si tratterebbe del primo caso di inversione dei ruoli sessuali tra i sessi. Lo studio, dal titolo Female Penis, Male Vagina, and Their Correlated Evolution in a Cave Insect è stato pubblicato sulla rivista Current Biology.

 

Cameriere, caffè! Arriva dalla Corea del Sud lo studio che ha condotto Jiwon Han alla vittoria dell'IgNobel per la fluidodinamica. Han ha voluto capire quale fosse il modo migliore per trasportare una tazza di caffè senza rovesciarla. Il ricercatore ha esaminato complessi modelli e calcoli matematici per giungere alla conclusione che le condizioni per evitare di rovesciare il caffè sono principalmente due: tenere saldamente la tazza con tutte e cinque le dita e... camminare all'indietro. La ricerca è apparsa su Achievements in the Life Sciences.

 

Musica hot. Marisa Lopez-Teijon e colleghi salgono sul palco degli IgNobel per uno studio molto particolare: sono riusciti a dimostrare che è possibile far ascoltare meglio la musica ai feti attraverso un dispositivo (BabyPod) da inserire direttamente all’interno del canale vaginale materno, superando così il limite del corpo materno. L'articolo (e l'allegato brevetto) sono pubblicati su Ultrasound. Premio IgNobel per l'ostetricia 2017.

 

15 settembre 2017 | Andrea Rubin