Curiosità

Viaggio nella Luna

La Nasa è arrivata sulla Luna nel 1969, con l'Apollo 11, ma nel cinema il primo viaggio è del 1902: non verso la Luna, ma nella Luna (popolata di Lunatici, oltretutto).

Le Voyage dans la Lune, di Georges Méliès, è un film del 1902: una decina di minuti, è da molti considerato il primo, vero film della storia del cinema perché racconta una storia, anziché proporre allo spettatore riprese di situazioni reali (panorami, spettacoli di illusionismo, l'arrivo del treno alla stazione...), come si era fatto negli anni precedenti, a partire dalla prima proiezione dei fratelli Lumière, il 28 dicembre 1895, La sortie des usines Lumière, che proponeva un'unica inquadratura fissa sugli operai in uscita dalla fabbrica dei Lumière.

La storia di Voyage dans la Lune è molto liberamente ispirata al romanzo di Jules Verne, Dalla Terra alla Luna, del 1865, il cui titolo originale è De la Terre à la Lune, trajet direct en 97 heures 20 minutes, che è come dire viaggio diretto in 97 ore e 20 minuti: poco più di un giorno in più di quanto ha impiegato cento anni dopo l'Apollo 11.

L'adattamento cinematografico tradisce la trama del romanzo: mostra gli intrepidi esploratori che colpiscono una classica "luna di formaggio", penetrano nei tunnel della Luna e trovano, ovviamente, i Lunatici.

Qui sotto, la musica perfetta per celebrare i 50 anni dell'allunaggio e dell'Apollo 11: la versione jazz di Walking on the Moon, di Sting, accompagnato al piano da Jason Rebello.

20 luglio 2019 Raymond Zreick
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us