Curiosità

Una nuova risposta al Paradosso di Fermi

Ancora sugli alieni e sulla famosa, vecchia domanda di Fermi: questa volta si fa leva sul fatto che abbiano capito di non poter crescere di più.

Sono tra noi? Vivono in qualche galassia lontana e sono già venuti a farci visita? Ahimé, al momento non abbiamo risposte: non c'è alcuna prova che l'Universo sia pieno di alieni né che siano venuti a farci visita - tutte ipotesi che rimangono nel mondo della fantascienza. Perciò resta ancora senza risposta la famosa domanda di Enrico Fermi, «ma allora, dove sono tutti?».

Tante risposte. Nel corso degli anni sono state avanzate tente risposte - nessuna soddisfacente fino in fondo - e oggi se ne aggiunge una nuova che potrebbe spiegare il fatto che civiltà molto intelligenti esistono o sono esistite per davvero, ma della loro esistenza non sappiamo nulla perché sono scomparse prima di contattarci.

Due astrobiologi sostengono che, proprio come può succedere ed è successo a varie civiltà terrestri, una società evoluta che si espande molto velocemente può andare altrettanto velocemente verso l'estinzione. Solo le società che riconoscono tale pericolo possono prosperare a lungo (ma a quel punto avranno pochi contatti con quelle circostanti).

Stando allo studio di Michael Wong (Carnegie Institution for Science) e Stuart Bartlett (Caltech), pubblicato sul Journal of The Royal Society Interface, le civiltà sulla Terra tendono a incontrare problemi di sopravvivenza quando si espandono troppo rispetto alle loro possibilità tecnologiche ed energetiche. Allo stesso modo, dicono i due ricercatori, società aliene che si espandono molto velocemente cadranno a pezzi con conseguenze devastanti molto prima che possano esplorare l'Universo che li circonda. A meno che non esista una civiltà del genere molto vicina noi non avremo mai il tempo di verificare l'esistenza di quelle lontane.

Il risveglio omeostatico. Stando ai due ricercatori una civiltà molto evoluta ha fabbisogni di tecnologia e di energia che, all'inizio, la stessa tecnologia riesce a soddisfare, ma ad un certo punto la crescita diventa così veloce che l'innovazione non riesce a tenere il passo con le richieste. Ciò porta al collasso della società, e presumibilmente alla sua scomparsa.

La possibilità che una società tecnologica possa sopravvivere a quel giro di boa sta nel risveglio omeostatico, ossia nella sua capacità di capire quando, una volta raggiunto un benessere elevato, sia il momento di rallentare la crescita. Stando ai due ricercatori l'Universo è in effetti pieno di civiltà di breve durata legate a una veloce crescita tecnologica e civiltà che, invece, scelgono l'omeostasi.

Ciò rende difficile trovarle: le prime crollano velocemente, le seconde non hanno interesse a farsi trovare.

23 maggio 2022 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us