Tutti pazzi... per un festival

Focus.it ha fatto il giro del mondo per scovare i festival e le tradizioni popolari più bizzarre... Dal campionato mondiale di caccia alle zanzare alla gara di salto del pupo che si svolge in...

20057511406_5
|

Tutti pazzi... per un festival
Focus.it ha fatto il giro del mondo per scovare i festival e le tradizioni popolari più bizzarre... Dal campionato mondiale di caccia alle zanzare alla gara di salto del pupo che si svolge in Spagna. E voi siete pronti a segnalarci una festa popolare particolarmente curiosa della vostra città o di un luogo che avete visitato?

 

Fare l'uomo bardana è un compito faticoso, visto che si viene ricoperti di fiori spinosi. Unico aiuto i fiumi di whisky che scorrono durante la fiera di South Queensferry, in Scozia.
Fare l'uomo bardana è un compito faticoso, visto che si viene ricoperti di fiori spinosi. Unico aiuto i fiumi di whisky che scorrono durante la fiera di South Queensferry, in Scozia.

 

In Scozia c'è quello in cui si balla la danza dei cornuti; in Inghilterra, quello in cui si elegge l'uomo bardana, il fortunato cioè che per un giorno è costretto a girare completamente ricoperto dai fiori spinosi di bardana.
In Spagna c'è quello dove, nella notte di San Giovanni (il 24 giugno), si balla attorno a un grande falò, in cui si buttano le cose vecchie e si esprimono desideri. Poi c'è quello in onore in San Firmino in cui i partecipanti si fanno inseguire per le strette vie di Pamplona (Spagna) da 6 tori infuriati.
C'è quello dell'”Uomo che arde”, in occasione del quale, in mezzo al deserto del Nevada (USA), migliaia di persone si riuniscono per esprimere la propria creatività nei modi più bizzarri.
Parliamo di festival e riti popolari che si ripetono a ricordo di un'antica tradizione, per festeggiare un evento recente o anche semplicemente per aumentare l'attrattiva turistica di una zona. Ma perché non rinunciamo mai a riunirci per festeggiare e inventare strani riti? Quali sono i più bizzarri nel mondo e in Italia? Questo Focus File - che può difficilmente essere esaustivo, se non col vostro aiuto - ne racconta alcuni in una carrellata, che continua nelle pagine seguenti in una pazza fotogallery.

Se vuoi segnalarci una festa popolare particolarmente curiosa della tua città o di un luogo che hai visitato, manda un contributo alla redazione attraverso il link sottostante!

 

Tutti pazzi... per un festival
Focus.it ha fatto il giro del mondo per scovare i festival e le tradizioni popolari più bizzarre... Dal campionato mondiale di caccia alle zanzare alla gara di salto del pupo che si svolge in Spagna. E voi siete pronti a segnalarci una festa popolare particolarmente curiosa della vostra città o di un luogo che avete visitato?

 

Come in Formula 1... solo che a bordo di potenti falciatrici da giardino. Sarà la nuova frontiera delle gare di velocità?
Come in Formula 1... solo che a bordo di potenti falciatrici da giardino. Sarà la nuova frontiera delle gare di velocità?

 

Un po' di storia...
Le feste hanno origine antichissima e secondo gli studiosi le prime furono quelle legate alle stagioni della vita (nascite, pubertà, matrimoni, morti) e a quelle della natura (semine e raccolti).
In Mesopotamia, 5 mila anni fa si festeggiava il ritorno delle piogge autunnali, ballando e offrendo banchetti in onore di Marduk, dio della fertilità. In Grecia, l'inizio della primavera coincideva con le feste offerte in nome di Dioniso. I romani esagerarono, così ben 176 giorni all'anno erano motivo di banchetti e baldorie. Furono loro ad alternare ai festeggiamenti veri e propri gare sportive, come la corsa delle bighe e la lotta dei gladiatori.


La corsa dei giardinieri e la lotta dei "conditi"
Forse ispirandosi agli antichi fasti, un gruppo di appassionati di motori ha messo in piedi la BLMRA, associazione britannica per le corse delle… falciatrici da giardino. Il motto è: “Per herbam ad astra”, in un improbabile latino che si traduce in “Dall'erba alle stelle”.
In Turchia, ogni anno si rivive la lotta corpo a corpo in un rito particolarmente… “condito”: i lottatori infatti si fanno spargere olio sul tutto il corpo in occasione del tradizionale torneo di wrestiling all'olio vecchio di 644 anni (per saperne di più, guarda la fotogallery).

 

Tutti pazzi... per un festival
Focus.it ha fatto il giro del mondo per scovare i festival e le tradizioni popolari più bizzarre... Dal campionato mondiale di caccia alle zanzare alla gara di salto del pupo che si svolge in Spagna. E voi siete pronti a segnalarci una festa popolare particolarmente curiosa della vostra città o di un luogo che avete visitato?

 

Il salto del bambino che si svolge in Spagna servirebbe a garantire la sicurezza dei neonati dal potere del diavolo: ma chi li protegge dal saltatore?
Il salto del bambino che si svolge in Spagna servirebbe a garantire la sicurezza dei neonati dal potere del diavolo: ma chi li protegge dal saltatore?

 

Ti aspetto fuori... e ti meno!
Nel Medioevo, le classi più agiate preferivano festeggiare in "casa", ma visto che i balli dei "vip" erano riservati a pochi eletti, per i più la piazza sostituiva il castello del signorotto. Il popolo si spargeva per le vie del villaggio e spesso organizzava vere e proprie "battaglie": tra gli appartenenti alle varie contrade si scatenava una vera e propria zuffa collettiva, con combattimenti a suon di pugni e bastoni.
Oggi in piazza si preferisce giocare, recitare e far ridere. Come succede al Buskers Festival - la più grande kermesse europea di artisti da strada - che si svolge ogni anno a Ferrara: nelle vie della città si esibiscono oltre 700 tra a provenienti da 26 nazioni che si esibiscono ininterrottamente per tutta la durata della manifestazione.

Salto in lungo... con bambini!
Le feste sono a volte anche l'occasione per combattere le nostre paure più ataviche, come quella del maligno. A Castrillo de Murcia, nella Spagna settentrionale, si svolge il "salto del bambino" in occasione del Corpus Domini. Un uomo vestito di giallo e rosso impersona il diavolo (El Colacho) e spicca un poderoso salto su un materasso dove sono adagiati 4-5 bambini. La tradizione vuole che in questo modo si scaccino le forze del male dai neonati del villaggio. Chissà cosa direbbero i piccoli, se solo potessero parlare...
Se a far paura non è il maligno, ma i lupi e le bestie feroci che minacciano il villaggio, allora occore indossare buffe maschere di pelli di pecora con coda di volpe e ballare per le vie della città. Così fanno tuttora i Los Sidros, gruppo di danzatori che, durante l'annuale festa di Valdesoto in Spagna, ballano attorno alle donne con un lungo bastone in mano, anche se oggi i "fantasmi" da scacciare sono altri.

Ogni occasione è buona... per mangiare
In Italia, che è terra di buongustai, spesso si finisce per trasformare un evento festoso in una grande scorpacciata. Così a Mottola, in provincia di Taranto, nell'estate del 2004, è stato prodotto un panino da record di 634,5 metri di lunghezza. Per l'estate 2005 (ad agosto, in occasione della sagra della focaccia), si tenterà di cuocere una focaccia di 425 metri, il cui peso finale si dovrebbe aggirare sui 28 mila chilogrammi.
Saranno impegnati 50 volontari per la lavorazione che durerà 50 ore. Sei gru occorreranno per portare in piazza la pasta lievitata e 4 di queste gru saranno attrezzate con pedane recintate da dove saranno lanciati pomodoro, olio, origano e sale per condire la focaccia.

 

Tutti pazzi... per un festival
Focus.it ha fatto il giro del mondo per scovare i festival e le tradizioni popolari più bizzarre... Dal campionato mondiale di caccia alle zanzare alla gara di salto del pupo che si svolge in Spagna. E voi siete pronti a segnalarci una festa popolare particolarmente curiosa della vostra città o di un luogo che avete visitato?

 

Soccorso ai feriti in battaglia? Solo per finta... e come commemorare una guerra combattuta 190 anni fa a Waterloo...
Soccorso ai feriti in battaglia? Solo per finta... e come commemorare una guerra combattuta 190 anni fa a Waterloo...

 

A proposito di battaglie...
Una categoria di riti a cui si può assistere in giro per il mondo riguarda la rivisitazione di antiche battaglie e vittorie militari. Come l'assalto al castello di Bardi, in provincia di Parma, messo in scena per rivivere l'emozione di battaglie e duelli antichi, quando i castelli del Ducato di Parma e Piacenza erano efficaci baluardi difensivi.
Quest'anno, a Waterloo, cittadina belga a sud di Bruxelles, migliaia di persona (precisamente 2 mila i figuranti) hanno fatto rivivere la battaglia in cui Napoleone Bonaparte fu sconfitto dagli eserciti di Inghilterra e Prussia. L'occasione è stata il centonovantesimo anniversario di quel combattimento avvenuto il 18 giugno 1815. I partecipanti hanno indossato riproduzioni delle uniformi dell'epoca e simulato i momenti più salienti della battaglia.

All'arembaggio!
Nel porto di Portsmouth, in Inghilterra, la rievocazione è stata ancora più mastodontica: centocinquanta navi di 57 paesi, inclusa l'italiana Amerigo Vespucci, si sono riunite per celebrare il duecentesimo anniversario della Battaglia di Trafalgar, che nel 1805 pose fine alle ambizioni marinare di Napoleone e fece guadagnare alla Gran Bretagna la supremazia sui mari.
Ma non è finita qui: per conoscere altri riti e commemorazioni curiose vi invitiamo a curiosare nella fotogallery qui accanto... E a inviarci le vostre segnalazioni, che pubblicheremo tra i contributi qui sotto.

Anita Rubini

 

5 luglio 2005