Tutti a bordo con Focus

Avete mai sentito parlare di un conference tandem? Sapete com'è fatto il vero furgone del figlio dei fiori? La vostra auto è mai stata risucchiata dalle sabbie mobili? Se la risposta è no, potete fare un viaggio virtuale in questa gallery, tra strambe biciclette, auto d'epoca, furgoni tamarri e situazioni "estreme".

Entrate nel gruppo Tutti a bordo su iFocus per vedere altre foto o iscrivere le vostre.

reu_rtxwa4r_webiber_76501_web01-albertoangelici02-nonnoweb10-grigua03-raffaella99912-antonellariva04-guru05-roby1306-marci2marci_207-insidioso9308-insidioso93_209-angela196411-antoniodatursi13-gianluca.bertolo14-graziella5715-mbm5116-paolamigliorini17-paolamr18-montale-depp19-simolimo20-andrewd8021-zialsc22-marci2marci23-fedemai24-marpirata25-roxannaApprofondimenti
reu_rtxwa4r_web

Un rombo di motori, una nuvola di sabbia. Lo spettacolo del Rally Dakar si è recentemente concluso lasciandosi alle spalle scatti spettacolari come questo, che ritrae il pilota spagnolo Carlos Sainz durante la tappa tra Calama e Iquique, in Cile. Per la terza edizione consecutiva la gara, che originariamente si snodava per i deserti africani, si è svolta in Sudamerica, dopo vari problemi di sicurezza, politica e non solo, riscontrati in Mauritania. E proprio da una disavventura tra le sabbie africane è nata la mitica competizione. Nel 1977, dopo essersi perso nel deserto Libico, il pilota automobilistico francese Thierry Sabine pensò che quello sarebbe stato lo scenario ideale per ambientare una corsa tutta adrenalina. Nasceva così la Parigi Dakar.
Gare, imprese, esperimenti: scopri quante cose si possono fare nel deserto

[E. I.]

iber_76501_web

Se non fosse per le sue componenti interne, ben visibili, quest'auto potrebbe passarvi accanto completamente inosservata. La Ghost Car, una Pontiac Deluxe Six del 1939 prodotta da General Motors e dall'azienda chimica Rohm & Haas,  ha la carrozzeria di plexiglass, ed è la prima auto trasparente mai realizzata negli Stati Uniti. Al tempo del lancio fu sponsorizzata come l'"auto del futuro" per il design innovativo, che continua a fare un certo effetto ancora oggi. Tuttavia ne furono costruite solo altre due e questo modello a tre marce è ritenuto al momento l'unico rimasto di questo genere. Nella sua vita l'auto invisibile (o quasi) ha totalizzato solo 138 chilometri e oggi, sarà battuta all'asta dalla casa RM Auctions per una cifra che potrebbe arrivare ai 475 mila dollari (oltre 335.600 euro).

01-albertoangelici

Muoversi in India di albertoAngelici (Alberto Angelici)
Siamo a Jaipur, popolosa città nello stato del Rajasthan, India del nord. In quella regione mi incuriosiva l'enorme varietà di mezzi utilizzati per il trasporto di merci e persone, spesso davvero arcaici: enormi cesti sostenuti sulla schiena tramite cinghie che passano sulla fronte, biciclette e carriole cariche all'inverosimile, vecchissimi e variopinti autocarri e carri trainati da mucche che spesso sembrano mummificate.

02-nonnoweb

Pragmatismo olandese di nonnoweb
Una carriola di bimbi attraversa le strade della città. Chissà, ci vorrà un permesso speciale per circolare con un mezzo del genere?

10-grigua

Ricordate la Multipla? di grigua
L'inverosimile vetturetta, antesignana delle monovolume. Questo autentico pezzo da museo ora è utilizzato come auto da cerimonia.

03-raffaella999

Sabbie mobili in Alaska di raffaella999 (Raffaella Milandri)
Durante un viaggio in solitaria in Alaska, oltre il Circolo Polare Artico, il mio fuoristrada affonda nel Sagg River a causa del fondale in permafrost che d'estate diventa come sabbie mobili. Questa è la foto scattata dallo sceriffo dopo i primi soccorsi.

12-antonellariva

Suggestioni da altrove di Antonellariva (Antonella Riva)
Ho scattato questa foto durante un viaggio invernale in camper con la mia famiglia, mentre percorrevamo una strada interna diretti al sud verso Tozeur. Lontani dai soliti resort per turisti, il bello di viaggiare in camper è proprio dato dalla possibilità di vivere a contatto con le realtà locali. Si tratterà di una giovane coppia di sposi in viaggio?

04-guru

La Furgoneta di guru
Estate 2010 a Panajachel, sul lago Atitlan in Guatemala. In quel paese i mezzi pubblici sono vecchi scuolabus americani, che i guatemaltechi provvedono a colorare in modo vistosissimo. Dato che molti di loro sono analfabeti, ci hanno raccontato che i colori servono anche a capire le tratte coperte da questi rumorosissimi autobus. Una festa di colore per gli occhi, un incubo se ne incroci uno per strada.

05-roby13

Officina mobile di roby13 (Roberto Toffanin)
Quando ho scattato questa foto mi trovavo ad Alberobello in vacanza e mi hanno colpito la multifunzionalità del mezzo e l’ingegnosità del proprietario che con maestria aveva organizzato una vera officina per piccole e grandi manutenzione dei trulli.

06-marci2marci_2

Dopo una vita di sacrifici di marci2marci (Marcella Giaconi)
Erano gli ultimi giorni di agosto, mi trovavo lungo la spiaggia di San Giorgio, un paesino attaccato a Patti Marina (Messina). Questo scheletro di barca di pescatori abbandonato sulla spiaggia mi ha fatto pensare a quanto doveva aver lavorato insieme ai suoi proprietari. Il mestiere di pescatore è duro. Adesso era lì, ridotto a un rottame.

07-insidioso93

Love, love, love di insidioso93
Santa Barbara, California USA. La maggior parte degli oggetti incollati sul furgoncino sono impossibili da vedere perchè minuscoli. Vi posso assicurare che c'era un’incredibile varietà di pupazzetti, biglie colorate (che fanno da cornice a tutto il furgoncino) spille, pasta, tastiere ,spade laser, bandiere, statuette di gruppi metal, adesivi, souvenir da tutte le città.

08-insidioso93_2

Love, love, love di insidioso93
Santa Barbara, California USA. La maggior parte degli oggetti incollati sul furgoncino sono impossibili da vedere perchè minuscoli. Vi posso assicurare che c'era un’incredibile varietà di pupazzetti, biglie colorate (che fanno da cornice a tutto il furgoncino) spille, pasta, tastiere ,spade laser, bandiere, statuette di gruppi metal, adesivi, souvenir da tutte le città.

09-angela1964

Bi-bici di Angela1964 (Angela Travaglini)
L'insolito mezzo di trasporto qui ritratto era appoggiato all'uscita di Palazzo Ducale a Genova , dove mi trovavo in occasione dell'annuale festival della scienza, il cui tema quell'anno era proprio la diversità. Poteva non attrarre la mia attenzione questa bizzarra creazione, oltretutto in un simile contesto? Ancora oggi mi domando quale mente possa aver congeniato un tale attrezzo.

11-antoniodatursi

Velocità disinvolta di AntonioDaTursi (Antonio Farina)
New York, giugno 2008. Era la prima volta che ci andavo. Il tempo di passare in albergo e via, in giro per la Grande Mela. Un occhio verso i due amici per non perdersi, l’altro fisso nel mirino a fotografare tutto. Tra i tanti scatti ecco un ragazzo in bici che con estrema disinvoltura telefonava e sfrecciava lungo Madison Avenue. Sembrava sbucato da una delle tante serie televisive girate a NY

13-gianluca.bertolo

Conference bike digianluca.bertolo
C’è posto per tutti per visitare la città su questo supertandem fotografato a Salisburgo... a patto che ci si fidi ciecamente del manovratore.

14-graziella57

Balilla di graziella57 (Graziella Selan)
Ci sono posti di ritrovo, come i distributori con bar, dove i vecchi si ritrovano a parlare della loro gioventù. Come ci vanno? Ovvio, con le macchine della loro gioventù. Questo distributore si trova al ponte sul torre di Zompitta (UD).

15-mbm51

L’art parisien di MBM51 (Benedetta Mioni)
Scattata a Parigi nel quartiere di Marais. Ho incontrato questo allegrissimo furgone nell'uscire dal Museo di Picasso. Ci stava proprio bene.

16-paolamigliorini

C'è da spostare una macchina di paolamigliorini (Paola Migliorini)
In Croazia, lungo una strada principale sotto una casa con poco parcheggio, mi ha incuriosito questa auto ultimo modello, rosso fiammante di scuderia, targa HR (Harvatska) che a quanto pare non veniva spostata da qualche “ora”, vista la crescita dei rampicanti.

17-paolamr

Arrivano i divi di Hollywood di PAOLAMR (Paola Merlini)
Nel tragitto per recarmi al lavoro sono molte le distrazioni paesaggistiche che mi soffermo ad osservare, ma quel giorno un American truck coloratissimo e tappezzato dai mitici Divi di Hollywood catturò la mia attenzione.

18-montale-depp

Antifurto? di MontAle-depp
Ero a Londra, nei pressi di Notting Hill quando ho notato questa bicicletta legata a un palo e incelofanata. Ancora adesso mi chiedo il perché.

19-simolimo

Viaggiare comodi di simolimo
Un classico risciò cinese... a Central Park. In quella zona ce ne erano molti, ma quello ha attirato la mia attenzione in modo particolare perché sembrava quasi abbandonato e quasi fuori luogo, dopo aver visto una sfilza di taxi, limousine e macchine di lusso. Ho colto l’attimo e ho immortalato questo comodissimo mezzo di trasporto insieme all’ambiente che lo circondava.

20-andrewd80

Viaggio in Solitaria di andrewD80 (Andrea Cantova)
Questa foto è del 2008 e mi trovavo sul treno di ritorno da Milano perché ero stato alla redazione di focus.it! Il treno è il mezzo più comodo perchè puoi distrarti a pensare a quello che vuoi, ascoltare musica o semplicemente fare un pisolino. E ha sicuramente un fascino molto romantico.

21-zialsc

Giro in scooter? di ziaLsc
Passeggiando per le strade di città per i primi acquisti natalizi, mi rendo conto che la crisi ha colpito proprio tutti... o quasi!!!

22-marci2marci

Forno a pietra portatile di marci2marci (Marcella Giaconi)
Ero con il camper con il mio compagno ad Antillo prov di Messina in occasione della sagra del maiale e del cinghiale. In queste sagre si vede di tutto e la gente del paese attira l'attenzione con ogni espediente. Questo tizio preparava le pizze in un forno a pietra caricato sulla sua Ape Piaggio (in siciliano "lapa"). Ognuno si arrangia come può!

23-fedemai

La sete chiama di fedemai (Federico Maiolo)
Amsterdam (2008): Nella città dove la bici è il mezzo di trasporto favorito dagli abitanti, anche la pubblicità segue il passo e diventa ecologica.

24-marpirata

Questo sì che è un taxi! di marpirata (Marcello Bagalini)
Carnevale a Offida (AP). Questa miniauto in piazza mi ha fatto pensare che i taxi dovrebbero essere tutti così!

25-roxanna

Vesuvio da lassù di roxanna (Rosanna Caso)
Ecco cosa si è offerto ai miei occhi guardando dal finestrino dell'aereo che lasciava la mia magnifica Napoli per portarmi in vacanza in terre lontane. «Spettacolare», ha detto chi ha visto questa foto. Un panorama mozzafiato e un incredibile Vesuvio che sembra fumare.

Un rombo di motori, una nuvola di sabbia. Lo spettacolo del Rally Dakar si è recentemente concluso lasciandosi alle spalle scatti spettacolari come questo, che ritrae il pilota spagnolo Carlos Sainz durante la tappa tra Calama e Iquique, in Cile. Per la terza edizione consecutiva la gara, che originariamente si snodava per i deserti africani, si è svolta in Sudamerica, dopo vari problemi di sicurezza, politica e non solo, riscontrati in Mauritania. E proprio da una disavventura tra le sabbie africane è nata la mitica competizione. Nel 1977, dopo essersi perso nel deserto Libico, il pilota automobilistico francese Thierry Sabine pensò che quello sarebbe stato lo scenario ideale per ambientare una corsa tutta adrenalina. Nasceva così la Parigi Dakar.
Gare, imprese, esperimenti: scopri quante cose si possono fare nel deserto

[E. I.]