Il pericolo è il loro sport

C'è chi si butta dalle cascate con il kayak e chi si lancia dalle montagne in bicicletta, chi surfa le dune del deserto e chi cerca il record nell'acqua ghiacciata: ecco una raccolta degli sport estremi più pericolosi e originali del mondo. 
Guarda anche: scatti estremi, le più belle foto di sport - Gli sport più strani del mondo - Record da pazzi: i primati più inverosimili

42-1806465342-2149767342-2222631442-2656460242-2728077942-2733999942-30116465vx001097rtxvkksApprofondimenti
42-18064653

Vi piace sciare ma il freddo vi intimorisce? Provate il sand boarding: basta trovare una duna sufficientemente ripida per  lanciarsi in discese mozzafiato.
Unico neo: non c'è lo skilift e per tornare in cima all'altura ci si mette la tavola in spalla e... si cammina.

42-21497673

La scalata del Fang, un pilastro di ghiaccio alto più di 50 metri, dev'essere un'esperienza... da brividi. Anche perchè questa imponente cascata del Colorado ghiaccia solo negli inverni più rigidi,quando le temperature scendono sotto i -30°C.

42-22226314

Michael Reardon è un vero arrampicatore... sociale, nel senso che le sue palestre preferite sono gli edifici commericiali e le sedi delle più grandi società.
In questa immagine lo si può vedere alle prese con le pareti lisce e prive di appigli di un edificio del governo a Salt Lake City.

42-26564602

Tuffarsi in un buco nel ghiaccio e scenere in apnea fino a una cinquantina di metri sotto la superficie è solo l'atto finale della Oslo Ice Challenge, una singolare competizione di nuoto in apnea che si tiene a  marzo nelle acque gelide del lago Lutvann, nei pressi di Oslo.
I partecipanti a questa singolare competizione infatti, prima di sfidare le acque del lago, la cui temperatura non supera i -2°C,  camminano almeno due miglia nella rigida aria Norvegese per raggiungere il campo di gara,  protetti solo dalla loro muta.


42-27280779

C'è chi l'estremo lo cerca tra le vette più alte e chi nelle grotte più profonde, come Duncan Collins, lo speleologo protagonista di questa immagine che si sta calando lungo una fune nel camino Miao Keng, la più grande caverna sotterranea del mondo.
Prodonda 1026 metri, si trova nella provincia di  Wulong, in Cina ed è stata scoperta soltanto nel 2008.

42-27339999

Gerry Moffatt si allena con i suo kayak lanciandosi dalle Spirit Fall, un salto di 11 metri lungo il corso del Little White Salmon River, nello stato di Washington.
E se l'idea di lanciarvi dal 4 piano protetti solo da un guscio di materiale sintetico vi spaventa, guardate il video qui sotto: il protagonista è Tyler Bratd, un ragazzone americano del 1986 che lanciandosi con il suo kayak dai 58 metri delle Palouse Falls (Eastern Washington), ha stabilito un record che difficilmente verrà battuto.

42-30116465

Due alpinisti schiacciano un pisolino all'interno di una portaledge, una speciale tenda che può essere appesa a una parete di roccia per offrire un pratico ricovero agli alpinisti durante un'ascensione.
Non avrà tutti i comfort di un hotel a 5 stelle, ma il panorama è di sicuro mozzafiato.

vx001097

Il bello della bici, si sa, sono le discese... ma qui forse si esagera: Kris Baughman, professionista del downhill, si lancia con la sua speciale mountain bike da un ghiaione quasi verticale sulle montagne dello Utah.
In questo sport gli altleti raggiungono velocità di poco inferiori ai 100 km/h: per questo indossano protezioni di derivazione motociclistica e utilizzano bici progettate per garantire la massima maneggevolezza e resistenza alle sollecitazioni.

rtxvkks

In perfetto stile Superman, il base jumper russo Valery Rozov si lancia dai 3000 metri del monte Ulvetanna, nell'Antartico Orientale.
La speciale tuta alata gli garantisce 45 secondi di planata, poi , a poche centinaia di metri da suolo, un paracadute lo frena e lo deposita, non troppo dolcemente, sui ghiacci polari.

Da non perdere:
Jeb Corliss: il base jumper che vola per davvero

Vi piace sciare ma il freddo vi intimorisce? Provate il sand boarding: basta trovare una duna sufficientemente ripida per  lanciarsi in discese mozzafiato.
Unico neo: non c'è lo skilift e per tornare in cima all'altura ci si mette la tavola in spalla e... si cammina.