Curiosità

Che cos'è la Sindrome di Obelix?

Alzi la mano chi non ha mai barato rispondendo a domande circa il peso o l'altezza... Per qualcuno si tratta di un vero e proprio disturbo. Che ha un nome buffo.

Sono molte le persone che dichiarano di pesare alcuni chilogrammi in meno rispetto al loro peso reale. Nei Paesi francofoni questo tipo di indulgenza con se stessi viene chiamata “Sindrome di Obelix”, visto che il celebre personaggio rispondeva a chi gli faceva notare il suo sovrappeso: “Gros, moi? Non... juste un peu enveloppé, c’est tout’’ (Grasso io? No. Sono solo un po’ cresciutello).

Chi imbroglia di più. Secondo una ricerca condotta dall'Institut de veille sanitaire (Invs, equivalente francese del nostro Istituto superiore di sanità) sulle risposte di 629 cittadini francesi, quasi tutti si dichiarano più alti e magri (circa 1,05 chili in meno per il peso e di 0,79 centimetri di altezza in più) di quanto non siano. In particolare, si bara di più tra i 55 e i 74 anni (gli appartenenti ad altre classi d'età, per esempio 35-54 anni, sono infatti stati un po' più sinceri). Una nota in più: i medici che hanno condotto l'indagine hanno stimato che lo scarto tra il vero peso e quello dichiarato sarebbe stato ancora più grande se prima non avessero avvertito le persone che sarebbero state poi effettivamente pesate.

Obesità. La pinguedine che affligge la celebre creatura uscita dalla penna di Goscinny non è però un disturbo da prendere alla leggera. Proprio da Obelix prende infatti il nome un progetto internazionale di ricerca sulle cause dell'obesità e il suo legame con alcuni inquinanti con i quali i bambini verrebbero in contatto già nella prima infanzia (per esempio gli ftalati, le diossine e il bisfenolo A).

29 marzo 2018
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us