Curiosità

Si può dire sindaca?

Le vittorie di Appendino a Torino e di Raggi a Roma riaprono una vecchia questione linguistica: si dice sindaco o sindaca?

Virginia Raggi e Chiara Appendino non sono le prime donne ad essere elette per guidare il consiglio comunale di una città italiana. Ma la loro vittoria ha riaperto una questione linguistica molto calda: si dice sindaco o sindaca? Raggi e Appendino sono sindache o sindaci?

Ovviamente, sulla questione c'è una regola e l'Accademia della Crusca lo ha già comunicata nel 2013 e prima ancora nel 2011 nella Guida agli atti amministrativi: è corretto usare le parole sindaca. E si possono usare anche architetta, avvocata, magistata e ministra.

La stessa Accademia spiega che l'uso di forme femminili nuove è già avvenuto con molti altri mestieri: infermiera, maestra, operaia, modella, cuoca, segretaria. E come nessuno si sognerebbe di definire Federica Pellegrini un nuotatore (e neppure - errore - una nuotatore), così allo stesso modo è corretto definire Virginia Raggi una sindaca.

Spiega l'Accademia della Crusca:

«Un uso più consapevole della lingua contribuisce a una più adeguata rappresentazione pubblica del ruolo della donna nella società, a una sua effettiva presenza nella cittadinanza e a realizzare quel salto di qualità nel modo di vedere la donna che anche la politica chiede oggi alla società italiana. È indispensabile che alle donne sia riconosciuto pienamente il loro ruolo perché possano così far parte a pieno titolo del mondo lavorativo e partecipare ai processi decisionali del paese. E il linguaggio è uno strumento indispensabile per attuare questo processo».

Sindaca o sindachessa? Sempre l'Accademia della Crusca consiglia di utilizzare la prima forma: usare tranquillamente le forme in -essa già in uso nella nostra lingua (campionessa, dottoressa, professoressa ecc.), evitare di costruirne di nuove preferendo altre strategie di formazione lessicale (deputata, ministra, sindaca) o l’anteposizione dell’articolo femminile per le forme in -e (la giudice, la vigile etc).

H/t: Il Post

20 giugno 2016
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us