Acquacoltura: il pesce di allevamento Vai allo speciale

I segreti del cioccolato fondente

Sprigionare gli aromi del cacao, combinarli in una miscela speciale, dare al cioccolato il giusto equilibrio... Ecco come nasce una tavoletta Excellence.

(Contenuto realizzato da Focus in collaborazione con Lindt)

lindt
L'inventore della concaggio, Rodolphe Lindt. |

Tutto il gusto del cioccolato fondente - a parte l’aggiunta di bacche di vaniglia e zucchero - è già racchiuso nelle fave di cacao, ma bisogna saperle lavorare con cura ed esperienza perché emerga nella sua straordinaria complessità.

 

La tavoletta di Lindt Excellence 70%, una volta uscita dal confezionamento. |

Passaggio dopo passaggio, senza che gli ingredienti cambino, ma semplicemente attraverso varie lavorazioni, il cioccolato continua a mutare il proprio stato fisico e, con esso, forma e aromi. Lindt ha perfezionato nel tempo un processo che assicura al suo cioccolato il massimo della qualità, a partire dal 1879 quando Rodolphe Lindt ha messo a punto la prima conca, inventando di fatto il «cioccolato fondente», battezzato così perché si scioglie in bocca.

 

Oggi, quella tecnica e tutte le altre lavorazioni sono state perfezionate e vengono applicate con rigore e precisione infinitesimali. Quali sono quelle che fanno la differenza nel creare una tavoletta di Lindt Excellence 70%?

 

I segreti del cioccolato fondente
Versione per PC
Versione per Smarthone

 

22 aprile 2016