Curiosità

Scoperto il segreto per far volare un aeroplanino di carta

Far volare un aeroplanino di carta è meno facile di ciò che sembra: il segreto è posizionare un peso nel punto giusto, per sfruttare al meglio la forza aerodinamica.

Quante volte abbiamo provato a far volare il nostro aeroplanino di carta il più lontano possibile ritagliando alettoni, alitando sulla punta ed escogitando metodi più o meno empirici per sentirci i nuovi fratelli Wright, per poi fallire miseramente e vederlo schiantarsi al suolo dopo un paio di metri? Quando si tratta di faccende di vitale importanza come questa, la scienza ci viene in aiuto: dei ricercatori hanno condotto una serie di esperimenti per capire quali siano i principi aerodinamici a supporto del volo (di carta) perfetto, rilevando che sono ben diversi da quelli dei veri aeroplani. I risultati dello studio sono stati pubblicati sul Journal of Fluid Mechanics.

stabilità. Per far volare un aeroplano di carta, che è privo di motore e plana solo sfruttando l'aerodinamica, è necessario che sia stabile. Per capire in che modo raggiungere questa stabilità, gli studiosi hanno condotto diversi esperimenti in laboratorio lanciando aeroplani in cui veniva modificato il centro di massa, aggiungendo e spostando piccoli pesi come clip metalliche, per vedere quali planassero più lontano: «La chiave per far planare gli aeroplanini nel miglior modo possibile è posizionare il centro di massa nel punto corretto», spiega Leif Ristroph, uno degli autori.

Gara di aeroplanini
Il record di volo per un aeroplanino di carta è di 27,6 secondi, ed è stato ottenuto dall’ingegnere aeronautico Ken Blackburn nel 1998. © Vladimir Melnikov | Shutterstock

In punta, ma non troppo. Se il peso veniva spostato anche solo leggermente dal centro verso i lati dell'aeroplano, questo planava in modo scomposto, ribaltandosi; se il peso era invece troppo spostato in avanti o indietro, l'aeroplanino cadeva velocemente in picchiata; ma se il centro di massa era collocato in un punto compreso tra il centro e la punta, allora il foglio planava dolcemente e stabilmente fino al suolo. 

Questo accade perché, quando il centro di massa è nel "punto giusto", la risultante delle forze aerodinamiche prodotte dal movimento tra ala e aria, tende a spingere verso l'alto l'ala quando scende, e verso il basso quando sale. In altre parole: «Il punto di azione della forza aerodinamica, ovvero il centro di pressione, varia con l'angolo di volo in modo da garantire stabilità», spiega Ristroph. Come si traduce questo problema, in termini pratici? «Bisogna trovare il punto perfetto dove collocare una graffetta, o piegare la punta dell'aeroplano più volte».

Bambino con aeroplanino
Alitare sulla punta dell’aeroplanino può servire, in teoria, a far muovere il centro di massa più avanti, aggiungendo il “peso” dell’umidità data dal respiro. «Che io sappia, nessuno ha mai condotto uno studio serio sugli effetti dell’umidità e la temperatura. Magari potremmo farlo noi!», commenta a Focus.it Leif Ristroph. © jsouthby | Shutterstock

Non come gli aerei di linea. Tutto questo, per una serie di ragioni, non funziona con i profili alari degli aerei veri, restando una proprietà esclusiva delle "lamine", piatte e sottili, come sono le ali di un aeroplanino di carta.

I ricercatori sperano però che la loro scoperta possa essere utile nella progettazione di velivoli su scala ridotta, come piccoli droni o robot volanti, per i quali sia necessario un design semplice senza sensori o comandi.  

12 marzo 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us