Curiosità

Se tieni il tempo, hai cervello

Non è dato sapere se i batteristi siano più intelligenti della media, ma si è scoperto che chi è capace di tenere il tempo con regolarità è mediamente più bravo nella risoluzione di compiti che richiedono logica e pianificazione. (Andrea Porta, 24 aprile 2008)

Siete bravi a tenere il tempo col piede quando ascoltate la musica? Se è così, è probabile che siate più intelligenti della media. Secondo i risultati di uno studio svedese esiste infatti una relazione tra l'intelligenza generale e l'abilità innata di scandire il ritmo. «È interessante soprattutto perché tenere il ritmo non richiede abilità cognitive», spiega Fredrik Ullén, del Karolinska Institutet di Stoccolma, che ha coordinato lo studio insieme a Guy Madison dell'Università di Umeå, sempre in Svezia. Secondo gli studiosi, la spiegazione della curiosa correlazione può essere solo una: alcune abilità cognitive necessarie alla risoluzione di problemi logici fanno affidamento alle stesse funzioni che ci permettono, quando teniamo il tempo, di calcolare d'istinto i millisecondi che intercorrono tra un battito e l'altro. Del resto, afferma Ullén, «sappiamo che l'accuratezza temporale è fondamentale nei processi di apprendimento e di gestione delle informazioni». A supportare l'ipotesi c'è poi un'altra scoperta: gli studiosi hanno notato che intelligenza e capacità ritmiche sono correlate a una quantità elevata di materia bianca nei lobi frontali del cervello, le aree coinvolte tanto nei processi di pianificazione quanto in quelli necessari alla percezione del tempo.

24 aprile 2008
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us