Curiosità

Il salto con gli sci? (Quasi) tutta questione di fisica

Nel salto con gli sci gli atleti lottano contro la forza di gravità e la resistenza dell'aria per atterrare il più lontano possibile.

Il salto con gli sci è uno degli sport più spettacolari delle olimpiadi invernali: gli atleti, dopo una discesa lungo un trampolino che permette loro di raggiungere quasi 100 km/h, spiccano un salto e volano per 5-7 secondi, prima di atterrare sulla neve, dopo aver percorso una distanza pari a un campo da calcio. Per riuscirci sfruttano l'aerodinamica e cercano di ridurre al minimo la resistenza e massimizzare la spinta dal basso data dall'aria, per compensare in parte la forza di gravità e planare fino a un punto il più lontano possibile.

Volare, oh oh. «Nel salto con gli sci ci sono tre concetti fisici in gioco», spiega Amy Pope, insegnante di fisica dello sport alla Clemson University (USA): «gravità, sollevamento e resistenza. L'obiettivo di chi salta con gli sci è quello di posizionare al meglio il corpo per massimizzare il sollevamento e ridurre il più possibile la resistenza.»

Quando un oggetto è in volo, la forza di gravità lo spinge verso il basso: gli atleti non possono ovviamente annullare la gravità, ma possono compensarla con il sollevamento, una forza contraria che spinge l'oggetto (in questo caso il corpo dell'atleta) verso l'alto. Se la forza prodotta dal sollevamento è simile a quella prodotta dalla gravità, un oggetto riesce a planare o volare.

Spinte verso l'alto. Per generare una forza di sollevamento, un oggetto deve muoversi e la sua superficie deve scontrarsi con le particelle d'aria: quando queste particelle vengono spinte verso il basso, l'oggetto viene spinto verso l'alto, in accordo con il terzo principio della dinamica di Newton (a ogni azione corrisponde una reazione opposta e uguale). A influenzare la spinta dal basso vi è anche l'angolo di incidenza dell'oggetto, ovvero l'angolo con cui l'oggetto fende l'aria: se rimane troppo parallelo al suolo, l'oggetto non riceverà alcuna spinta; se invece "pende" verso il basso, precipiterà velocemente al suolo.

Mano fuori dal finestrino
Per capire come funziona la forza di sollevamento, mettete una mano fuori dal finestrino di una macchina in corsa: tenendo il palmo parallelo al suolo, la mano non si muoverà; inclinandola verso l’alto, la forza dell’aria la spingerà su. © Dirima | Shutterstock

L'angolo perfetto. Oltre a generare la forza di sollevamento, l'interazione tra oggetto e aria produce resistenza, che rallenta il movimento dell'oggetto in aria. Gli atleti cercano dunque di fare il possibile per sfruttare l'effetto di sollevamento e ridurre la resistenza, per allontanare al massimo il punto di caduta. Per farlo, mentre sono in aria mantengono il corpo e gli sci a V quasi paralleli al suolo: questa posizione aumenta l'area della superficie da spingere verso l'alto, e fa sì che gli atleti si ritrovino con l'angolo di incidenza migliore per massimizzare il sollevamento.

Tutti uguali. Oltre alla fisica, vi sono altri fattori che influenzano il volo di uno sciatore, come il vento, la scelta dell'abbigliamento e dell'attrezzatura, o il peso e l'altezza dell'atleta stesso. Per questo il salto con gli sci è regolato da norme precise, che stabiliscono ad esempio la lunghezza massima degli sci (che non possono superare il 145% dell'altezza dello sciatore e devono essere più corti per chi ha un indice di massa corporea inferiore a 21) e l'abbigliamento da gara (per tutti una tuta aderente), per evitare che fattori esterni influiscano sulla forza di sollevamento.

15 febbraio 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us