Curiosità

Saddam ''incenerisce'' Hollywood

Lo "spettacolo" della guerra in Iraq supera per interesse quello dei film americani. E c'è chi ne approfitta.

Saddam ''incenerisce'' Hollywood
Lo "spettacolo" della guerra in Iraq supera per interesse quello dei film americani. E c'è chi ne approfitta.

Un momento della guerra in Iraq. Gli spettatori di alcuni cinema africani preferiscono vedere queste immagini piuttosto che i film.
Un momento della guerra in Iraq. Gli spettatori di alcuni cinema africani preferiscono vedere queste immagini piuttosto che i film.

I film di Hollywood impallidiscono di fronte alle scene di guerra in Iraq. In Guinea-Bissau, il volume d'affari dei cinema è notevolmente aumentato da quando i gestori hanno deciso di proiettare le ultime notizie dal fronte di guerra piuttosto che film d'intrattenimento d'oltreoceano. Persino i due cinema più grandi della capitale hanno deciso di interrompere la proiezione di film durante la messa in onda delle “ultime notizie”. «Da quando è iniziato il conflitto ho raddoppiato le mie entrate, specialmente durante i collegamenti realizzati dai canali francesi TV5 e CFI», ha affermato Sellou Diallo, manager di un piccolo cinema. «Prima che la guerra iniziasse avevo già venduto 30 posti, balzati a 65 non appena la crisi ha avuto inizio. Se la guerra andrà avanti sino al mese di giugno, diventerò milionario», ha concluso.
Bussiness dilagante. Fiutato l'affare, anche i pochi detentori privati di ricevitore satellitare hanno deciso di aprire i battenti delle proprie case al pubblico in cambio di birra o denaro. Ma non solo. Tutti gli stati dell'Africa occidentale stanno attuando la stessa inversione di “prodotto” praticata in Guinea-Bissau. Al costo di circa 0,30 centesimi di euro, gli spettatori possono seguire tutti i “news show” disponibili dal fronte di guerra. Lasciando in panchina le star di Hollywood.

(Notizia aggiornata al 5 aprile 2003)

3 aprile 2003
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us