Curiosità

Si può ruttare nello spazio, ma è meglio non farlo

Ecco perché è piuttosto spiacevole ruttare negli ambienti a gravità ridotta, come sulla Stazione spaziale internazionale.

Il nostro stomaco contiene un misto di succhi gastrici, cibo masticato e aria entrata con esso. Di solito l'aria va alto e il resto in basso, ma nello spazio manca il peso che fa rispettare quest'ordine. Così, quando la "bocca dello stomaco" si apre, non esce solo aria.

Oltre a respirare sempre la stessa aria, gli astronauti bevono sempre la stessa acqua. Samantha Cristoforetti (in foto) ci riporta un modo di dire della ISS: "Il caffè di ieri sarà il caffè di domani". (Per saperne di più) © Esa/Nasa

Sottosopra. L'ha spiegato di recente l'astronauta canadese Chris Hadfield su Twitter. Il tre volte passeggero della Stazione spaziale internazionale ha raccontato che «se rutti è come se ti vomitassi in bocca. Quindi, indovinate dove finisce tutta l'aria deglutita?».

Sopra o sotto? L'aria ingerita ha ovviamente solo due modi per uscire dal corpo umano: se la prima è poco educata, la seconda è decisamente spiacevole per chi ci sta attorno. Questo è ancora più vero se ci si trova a bordo di un veicolo spaziale, dove non si può abbassare il finestrino per "cambiare l'aria".

Filtri. Probabilmente questa spinta alla flatulenza è una delle cause degli sgradevoli odori di cui si sono più volte lamentati gli astronauti della ISS.

Naturalmente, a bordo ci sono dei filtri per i componenti dell'aria indesiderati. Sono questi filtri, ad esempio, a impedire che gli astronauti soffochino nella CO2 da loro stessi prodotta.

Ingegno. Inoltre, come si legge nel libro What's It Like in Space? (Ariel Waldman, 2016), l'astronauta Jim Newman riuscì ad escogitare un modo per ruttare solo aria. Spingendo con le gambe su una parete, Newman creava una falsa gravità temporanea che ricollocava tutti i fluidi nella giusta posizione, dando all'astronauta qualche prezioso attimo per espellere l'aria in eccesso. Gli astronauti sono persone brillanti.

13 novembre 2018 Davide Lizzani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us