Curiosità

Rai di tutto e (paghi) di più. O forse no...

Sì a canone per computer, non per smartphone e tablet.

La Rai, come ogni anno, è tornata a battere cassa ma questa volta ha davvero esagerato. La proposta di un canone “extra” anche per smartphone, tablet e computer con collegamento a Internet, non è piaciuta proprio a nessuno e la rete è insorta. Così Viale Mazzini fa marcia indietro.

“Canone Rai solo per i computer aziendali adibiti a televisori”

Idea geniale - Da qualche parte bisogna pur racimolare soldi. Così alla Rai è venuta un’idea geniale: un canone sui dispositivi che si collegano a Internet come computer, smartphone e tablet. Sì, perché quando siano in giro con il nostro dispositivo portatile, tutti noi, abbiamo un pallino fisso… guardare i programmi della Rai. C’è chi non li guarda a casa in TV, come la sottoscritta, però, c’è sicuramente chi proprio non aspetta altro che accendere il “maxi” schermo di un telefonino per godersi una puntata di Porta a porta o della Prova del cuoco. Quello che irrita, così come per la questione del canone della TV, è la generalizzazione. Ma questa è l’opinione personale di chi preferisce ormai da anni il web alle trasmissioni del servizio pubblico.

Web in rivolta - Una precisazione non è solo un obbligo, ma un atto di civiltà, per citare gli spot della nuova campagna abbonamenti andati in onda con la musica del Festival di Sanremo in sottofondo. Il canone per smartphone, tablet e computer era un balzello richiesto solo alle aziende e ai liberi professionisti. Grazie mamma Rai per non aver pensato a tutta la popolazione italiana! Sul web è comunque scoppiata la rivolta. Così Viale Mazzini, colpita da ogni angolo del web da insulti di ogni tipo e inondata da lettere - in formato digitale e cartaceo - fa retromarcia e spiega da dove spera arrivi quel quasi miliardo di euro di cui ha tanto bisogno. Sono circa 5 milioni di aziende prese di mira.

“Solo” computer - Il Canone Speciale non riguarda più smartphone e tablet, ma solo quegli “apparecchi atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni radio televisive in esercizi pubblici, in locali aperti al pubblico o comunque fuori dell'ambito familiare, o impiegati a scopo di lucro diretto o indiretto”. Detto in altri termini i computer adibiti a TV, a meno che l’azienda o il libero professionista non paghi già il canone per uno o più televisori. Che dire, Rai, benvenuta nell’era di Internet, peccato che tu abbia iniziato con il piede sbagliato.

Silvia Ponzio

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

Le 10 tecnologie che cambieranno il mondo

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

21 febbraio 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us