Curiosità

Quante persone servono per far nascere una moda?

Fenicotteri gonfiabili, tatuaggi e jeans strappati: quante persone servono per trasformare un'idea bizzarra in un fenomeno di massa?

Unione legale tra persone dello stesso sesso, liberalizzazione delle droghe “leggere”, pantaloni alla caviglia e risvoltini: fino a qualche decennio fa erano tabù inaccettabili mentre oggi sono diritti acquisiti e mode consolidate.

David Centola, un sociologo dell’Università della Pennsylvania si è domandato qual è il numero magico che trasforma un comportamento considerato “originale” in un fenomeno di massa comunemente accettato. Lo scienziato ha insomma provato a capire quante persone servono per diffondere un’idea.

Secondo Centola è sufficiente far accettare il proprio punto di vista al 25% della popolazione che si vuole influenzare e il gioco è fatto.

Cervello collettivo. Per arrivare a questa conclusione il ricercatore ha chiesto aiuto a 200 persone che sono state invitate a partecipare a un gioco online. Scopo del gioco era quello di attribuire un nome alla faccia che veniva mostrata a schermo.

Alla fine di ogni round la lista dei nomi scelti veniva resa pubblica: dopo una decina di tornate gli scienziati hanno notato una forte polarizzazione di alcuni nomi rispetto ad alcuni volti.

E dopo 25 giri alcune immagini avevano raccolto lo stesso nome da ogni partecipante al test.

Complessi calcoli, che potete trovare qui, incrociati con i dati di un gruppo di controllo hanno permesso ai ricercatori di concludere che per modificare un’opinione all’interno di una popolazione occorre almeno il 25% del consenso.

Questo processo spiega dunque il diffondersi di mode come i jeans strappati che avrebbero fatto inorridire le nostre nonne o l’invasione delle nostre spiagge da parte di unicorni e fenicotteri gonfiabili.

La politica no. Lo stesso Centola spiega però come queste dinamiche non possano essere applicate in maniera semplicistica alla sfera politica o religiosa, più difficili da influenzare perché profondamente radicate nell’ideologia delle persone.

Il lavoro di Centola evidenzia quindi come la nascita di una moda non sia legata solo a ciò che le persone desiderano, ma anche a profonde dinamiche sociali.

18 giugno 2018 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Scipione e Annibale, Mario e Silla, Demostene e Filippo II di Macedonia... I giganti della Storia che hanno passato la loro vita a combattersi, sui campi di battaglia e non solo. E ancora: l'omicidio di Ruggero Pascoli, il padre del famoso poeta, rimasto impunito; il giro del mondo di Magellano e di chi tornò per raccontarlo; la rivoluzione scientifica e sociale della pillola anticoncezionale; nelle prigioni italiane dell'Ottocento; come, e perché, l'Inghilterra iniziò a colonizzare l'Irlanda.

 

ABBONATI A 29,90€

Tigri, orsi, bisonti, leopardi delle nevi e non solo: il ricco ed esclusivo dossier di Focus, realizzato in collaborazione con il Wwf, racconta casi emblematici di animali da salvare. E ancora: come la plastica sta entrando anche nel nostro organismo; che cos’è l’entanglement quantistico; come sfruttare i giacimenti di rifiuti elettronici; i progetti più innovativi per poter catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera.

ABBONATI A 31,90€
Follow us