Quando sono comparsi i “tacchetti” da calcio?

corbis-vu004604
Scarpe e pallone da calcio anni Venti - © Sandro Vannini/CORBIS |

I tacchetti svitabili sono stati applicati per la prima volta in occasione dei Mondiali del 1954 in Svizzera. Tacchetti di gomma sagomati e regolabili erano però stati brevettati già nel 1949; mentre scarpe da calcio con suola di cuoio e tacchetti di pelle inchiodati erano stati prodotti negli anni ’20.
Gol fantasma: la gallery della top ten

Il genio di “Adi”
L’invenzione dei tacchetti svitabili si deve all’imprenditore calzaturiero tedesco Adolf Dassler, detto “Adi”, da cui il nome del marchio Adidas, composto dal soprannome e dalle prime lettere del cognome. Fu anche merito dei tacchetti di Dassler, che assicurarono ai calciatori tedeschi una maggiore aderenza e un migliore controllo della palla sul terreno appesantito da una pioggia battente, se la nazionale della Germania Ovest riuscì a rimontare da 0-2 a 3-2, nella finale dei Mondiali del 1954, in Svizzera. La Germania sconfisse l’invincibile Ungheria, in quello che passò alla storia del calcio come il “miracolo di Berna”. Dassler aveva inventato anche scarpe con tacchetti specifiche per l’atletica e per altri sport.
Perché si dice "fare il biscotto"?




 

25 giugno 2012