Curiosità

Quali sport si fanno sott’acqua?

Alle discipline tradizionali come l’apnea statica, dinamica e profonda si sono affiancate negli ultimi decenni diverse specialità bizzarre, che ripropongono sotto il pelo dell’acqua sport solitamente praticati “all’aria”.
La svolta risale al 1978, quando la Cmas (Confederazione mondiale delle attività subacquee) ha riconosciuto l’hockey e il rugby subacquei, nati nel 1954 e 1961. Poi è stata la volta delle versioni subacquee di football americano, tiro al bersaglio e orienteering.
Guarda la gallery degli sport più strani, dal dito di ferro alla corsa con la sedia da ufficio
L’invasione degli ultra atleti

Senza bombole
Il più noto è l’hockey subacqueo, chiamato anche octopush perché in origine si affrontavano 8 giocatori per squadra e il bastone era detto pusher. Se ne sono disputati già 15 campionali mondiali.
I 12 giocatori (6 per squadra) indossano maschere, boccagli, cuffie, pinne e un guanto con cui impugnano il bastone (bianco per una squadra, nero per l’altra), lungo 35 cm. Con questo colpiscono il disco di piombo (che pesa 1,3-1,5 kg) ricoperto di plastica, cercando di spedirlo nella porta avversaria. Si commette un fallo quando il disco è colpito senza bastone o quando si usa quest’ultimo contro gli avversari.
Anche nel rugby si gioca in 12 ma con una palla di 40 cm: sono permessi i passaggi in tutte le direzioni, ma la resistenza dell’acqua impedisce lanci più lunghi di 3 metri. In questi sport, da bordo vasca non si vede nulla: per gli spettatori ci sono schermi che riproducono i filmati delle telecamere poste in piscina.
Gallery: il pericolo è il loro sport
Le Olimpiadi del mondo animale


30 luglio 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us