Quali poteri ha la regina d'Inghilterra?

Indossa bizzarri cappellini e incontra capi di stato e rappresentanti religiosi. Ma, in sostanza, cosa fa la regina d'Inghilterra?

corbis-42-24217161
I poteri della regina oggi non hanno nulla a che vedere con quelli di Maria I Tudor (detta la sanguinaria) che regnò dal 1553 al 1558 - Immagine: © Corbis

La regina del Regno Unito di Inghilterra e Irlanda del Nord, formalmente, detiene tutti e tre i poteri di uno Stato democratico: legislativo, esecutivo e giudiziario. Tuttavia, già nel lontano 1689, la sottoscrizione del Bill of Rights (dichiarazione sui diritti) sancì la sovranità del parlamento. Oggi, quindi, Elisabetta II della casa Windsor (al trono dal 1952) è un capo di Stato formale e cerimoniale. Non fa parte del governo, ma riceve settimanalmente il primo ministro (oggi il laburista Gordon Brown) per riunioni nelle quali ha il diritto di esprimere il proprio parere; tuttavia, è tradizionalmente tenuta a rispettare le decisioni del primo ministro e del parlamento.

Funzioni delegate
Le “prerogative” reali, così sono chiamati i poteri della regina, sono ampie, anche se solo formalmente: può nominare (e destituire) il primo ministro, sciogliere il parlamento, dichiarare guerra, firmare la pace e così via. Nel tempo, tuttavia, queste funzioni sono state demandate per tradizione (il Regno Unito non ha una Costituzione scritta) allo stesso primo ministro e al parlamento. La regina ha anche il diritto di approvare o respingere i progetti di legge: se li approva diventano automaticamente legge. L’ultimo respinto risale al 1707. Infine, la regina conserva tuttora il titolo, anch’esso formale, di governatore supremo della Chiesa anglicana.
Cadute regali: le figuracce dei vip

22 Marzo 2012

Codice Sconto

Come vengono girate

 

le scene di SESSO 
 

dei FILM?