Curiosità

Qual è l'inno del Team Rifugiati?

Se uno dei 10 atleti olimpici provenienti da Siria, Sud Sudan, Etiopia o Repubblica Democratica del Congo dovesse vincere l'oro, che cosa si suonerebbe alla sua premiazione?

Le Olimpiadi di Rio vedono per la prima volta la partecipazione di un Team Rifugiati (Refugee Olympic Team, ROT), che non rappresenta una singola nazione, ma le migliaia di persone che fuggono dalla guerra e dalla povertà.

I 10 atleti provenienti da Siria, Etiopia, Sud Sudan e Repubblica Democratica del Congo, impegnati nell'atletica, nel judo e nel nuoto, hanno sfilato sotto alla bandiera Olimpica durante la cerimonia di apertura. Ma se uno di loro dovesse vincere l'oro, quale inno sarebbe suonato sul podio?

Inno "in prestito". Il protocollo prevede che venga suonato l'inno ufficiale delle Olimpiadi, così come accadrebbe in caso di vittoria di un atleta olimpico indipendente. Quando il 10 agosto Fehaid Al-Deehani, tiratore del Kuwait, ha vinto la medaglia d'oro nel double trap maschile, durante la premiazione è stato suonato l'inno olimpico (gli atleti del Kuwait gareggiano sotto la bandiera olimpica perché il comitato olimpico del loro paese è stato sospeso, per interferenze governative).

Le proposte. Negli ultimi giorni un gruppo di supporter del Team Rifugiati, Refugee Nation, ha ideato - con l'appoggio di Amnesty International - una bandiera e un inno da proporre alla delegazione olimpica. Il vessillo, arancione e nero, si ispira ai colori del giubbotto di salvataggio e vuole essere un omaggio al coraggio di quanti hanno dovuto affrontare pericolosi viaggi per fuggire verso un futuro migliore.

Il compositore siriano Moutaz Arian ha scritto anche un inno per la squadra, ma questo, così come la bandiera, rimane per il momento non ufficiale e non ufficialmente approvato dal comitato olimpico.

12 agosto 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us