Curiosità

Qual è la puzza più puzzolente al mondo?

Altro che puzza di piedi! L'odore più insopportabile che l'uomo abbia mai odorato arriva da un composto chimico: si chiama tioacetone. Ma perché?

Il nostro olfatto lo sa. Di puzze insopportabili ce ne sono molte: quella dei peti, della cacca, dei calzini sporchi, del sudore... Ma c'è di peggio: la sostanza più puzzolente del mondo è il tioacetone, un composto instabile di colore arancione/marrone che si ottiene solo a bassa temperatura. Non si sa perché puzzi così: si pensa che la causa sia l'atomo di zolfo (S) nella sua struttura, (CH3) 2CS, ma nessuno ha ancora capito perché il tioacetone abbia un odore talmente disgustoso che quando venne isolato per la prima volta, dai chimici Eugen Baumann ed Emil Fromm nel 1889, provocò nausea, vomito e svenimenti in un raggio di 750 m dal laboratorio di Friburgo dove i due lavoravano.

Puzza in provetta. L'esperienza venne ripetuta nel 1967 a Oxford da Victor Burnop e Kenneth Latham. Il tappo di una provetta saltò e il terribile odore provocò nausea e vomito a persone che lavoravano a 200 metri di distanza. E l'insostenibile puzza persistette per parecchio tempo. I due chimici trovarono però il modo di attenuarlo: lavorando sotto una cappa aspirante con una guarnizione di permanganato alcalino, decontaminando tutti gli apparati del laboratorio con la stessa sostanza, eliminando i vapori sgradevoli con fumi nitrosi generati da pochi grammi di rame sciolti in acido nitrico e distruggendo tutti i residui versandoli nel fuoco in un braciere.

8 aprile 2023 Fabrizia Sacchetti
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us