Cultura

Perché si dice pantagruelico?

Quando una banchetto si fa sontuoso, ecco spuntare l'aggettivo ispirato al protagonista di un romanzo del '500. Ma chi era Pantagruel e perché è diventato sinonimo di abbuffata?

Gargantua e Pantagruel è una raccolta di cinque romanzi scritti nel XVI secolo dal satirico francese François Rabelais, che vedono protagonisti il gigante Gargantua, suo figlio Pantagruel e vari compagni le cui avventure diventano un spunto per mettere alla berlina le abitudini, le follie e le superstizioni del '500.

Tutti a tavola. I primi due volumi ebbero molto successo diventando rapidamente un classico della letteratura umoristica. Il primo libro (1532) vede protagonista Pantagruel, giovane gigante dotato di enorme forza e appetito. Ed è proprio per la voracità e le abbuffate a tavola, a cui si sottopongono lui, il padre e la loro compagnia di giganti, che nel tempo pantagruelico e gargantuesco sono diventati sinonimo innanzitutto di banchetto ricco, di una festa dove si mangia e si beve in modo eccessivo (anche se, in realtà, Pantagruel è vorace anche di conoscenza e di cultura oltre che di cibo). Successivamente pantagruelico ha visto ampliato il suo significato e ora viene usato per descrivere qualcosa che ha dimensioni enormi, fuori dal comune, gigantesche, non necessariamente riferito a feste o banchetti.

In nome della satira. Tornando al concetto dell’abbuffata, questo è il filo rosso che unisce anche gli altri libri della raccolta, dove Rabelais non perde mai di vista il suo intento: fare satira dei suoi tempi. Così se il secondo volume, Gargantua (1534), è una critica alla pedagogia scolastica vecchio stile in contrapposizione agli ideali del re Francesco I, e ai suoi sforzi per riformare la chiesa francese, nel terzo Rabelais fa ironia su sesso, amore e matrimonio e prende in giro indovini, giudici e poeti. Mentre nel quarto libro (1552), che vede Pantagruel e la sua allegra brigata andarsene in giro per il mondo, l’autore coglie l’opportunità di mettere alla berlina nientemeno che la politica e la religione del 500, sfidando la censura.

Etimologia. Curiosamente, Gargantua ha la stessa radice (garg-) del latino gargăla (“trachea”), dell’italiano gargarozzo e dello spagnolo garganta (“gola”). Mentre per quanto riguarda Pantagruel è lo stesso Rabelais a svelarne l'origine: “…E poiché in quel giorno nacque Pantagruel, il padre gli impose quel nome da Panta che in greco vuol dire tutto e Gruel che, in lingua agarena significa assetato”.

23 marzo 2018 Eugenio Spagnuolo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Ascesa e declino di Sparta, la polis greca che dominò il Peloponneso con la sua incredibile forza militare e un'organizzazione sociale che forgiava soldati e cittadini pronti a tutto. Perché Beethoven cambiò per sempre il mondo della musica; gli esordi dell'Aids, l'epidemia che segnò un'epoca.

ABBONATI A 29,90€
Questo numero di Focus è speciale perchè l'astronauta dell'Esa Luca Parmitano ci ha affiancato per realizzare un giornale dedicato alle frontiere della scienza, dalla caccia agli esopianeti alla lotta contro il coronavirus fino agli organi stampati in 3d. Grazie Luca per i tuoi consigli e suggerimenti!
ABBONATI A 29,90€

Cosa posso comprare nel mondo con un euro? Perché i crackers hanno i buchi? Dove vanno i gatti quando spariscono da casa? Quanto può dormire un batterio? Correre una maratona fa ringiovanire? Con Focus D&R trovi più di 250 risposte rigorosamente scientifiche alle domande più curiose, divertenti e (anche) un po' folli che potresti mai immaginare.

 

 

ABBONATI A 14,90€
Follow us