Speciale
Domande e Risposte
Curiosità

Perché nei risultati dell'atletica leggera si tiene conto anche del vento?

Durante alcune gare di atletica leggera sentiamo spesso menzionare l'espressione vento "a favore" o " contro". Vediamo cosa significa.

In alcune discipline dell'atletica leggera, in presenza di vento che può dare una spinta alle spalle di più di due metri al secondo, la prestazione è considerata falsata, e dunque valida solo ai fini della competizione (visto chegli atleti presenti gareggiano nelle stesse condizioni) ma non della ratifica di un eventuale record.

 

Correre come il vento. Le gare a cui si applica tale regola sono 100 e 200 metri piani, 100/110 metri ostacoli, salto in lungo e salto triplo. Se ai Giochi di Tokyo, per esempio, un atleta dovesse stabilire un record del mondo, olimpico, continentale o anche nazionale in tali discipline, questo sarebbe confermato solo in presenza di un vento a favore inferiore ai due metri al secondo.

Gli anemometri sono in funzione dagli anni Trenta del Novecento su piste e pedane, ma è solo dal dopoguerra che i 2 metri al secondo vengono considerati una discriminante per la validità di un record. Il vento influenza lievemente anche i lanci, soprattutto il giavellotto e il disco, ma in tal caso non viene considerato poiché di rilievo trascurabile. 

Velocità: 100/200 metri piani. Ma quanto si allena un velocista olimpico? Gli sprinter concentrano i loro sforzi quotidiani al fine di rendere al meglio per gare di una manciata di secondi e che, nel caso dei Giochi olimpici, si svolgono nell'arco di 2-3 giorni ravvicinati. In sostanza è richiesto un dispendio energetico massimo ma per un tempo molto limitato, fattore che aumenta il rischio di infortuni.

Questi atleti-jet sono infatti soggetti a contratture o, più spesso, a stiramenti al bicipite femorale, che si prevengono con un corretto allenamento aerobico,con lavori di potenziamento muscolare e, soprattutto, con una corretta procedura di riscaldamento pre-gara. Più di rado, le noie riguardano la muscolatura degli adduttori o dei polpacci: in tal caso si interviene con un'adeguata correzione della tecnica di corsa e con un più oculato utilizzo degli esercizi ad alta intensità.

------------------------------

Di Simone Valtieri, tratto da Focus 346 (agosto 2021).

5 agosto 2021
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La vita straordinaria di Rita Levi-Montalcini, l'unica scienziata italiana premiata con il Nobel: dall'infanzia dorata alle leggi razziali, dagli studi in America ai legami con una famiglia molto unita, colta e piena di talenti. E ancora: l'impresa in Antartide di Ernest Shackleton; i referendum che hanno cambiato il corso della Storia; le prime case popolari del quartiere Fuggerei, ad Augusta; il mito, controverso, di Federico Barbarossa.

ABBONATI A 29,90€

Tutto quello che la scienza ha scoperto sui buchi neri: fino a 50 anni fa si dubitava della loro esistenza, ora se ne contano miliardi di miliardi. Inoltre, come funziona la nostra memoria; l'innovativa tecnica per far tornare a camminare le persone paraplegiche; la teconoguerra in Ucraina: quali sono le armi tecnologiche usate.

ABBONATI A 31,90€
Follow us