Curiosità

Perché la Jeep si chiama così?

Il veicolo 4X4 potrebbe prendere il nome da un fumetto. Ma non tutti sono d'accordo....

La spiegazione più diffusa è che jeep derivi da GP, che presumibilmente si riferisce a "general purpose" (scopo generale, pubblico utilizzo). Gli scettici sostengono però che l'acronimo completo, GPW, fosse applicato solo alle versioni Ford della macchina e che le prime due lettere non significherebbero "general purpose”: la G in realtà starebbe per "governo", mentre la P sarebbe stata utilizzata solo per classificare il veicolo. La terza lettera, W, si riferirebbe alla Willys, il fornitore originale.

Un’altra teoria vuole invece che il termine Jeep abbia un genesi più creativa. Nel 1936 il fumettista E.C. Segar introdusse nel suo famoso fumetto Popeye (Braccio di ferro) Eugene the Jeep, una creatura gialla più o meno bipede che si esprimeva unicamente con un jeep. Alcuni appassionati ipotizzano che i soldati americani fossero grandi fan del personaggio e che si appropriarono del nome per battezzare la nuova auto esploratrice dell'esercito, forse perché ricordava loro l'agile creatura, in grado di intrufolarsi ovunque.

Il termine jeep era stato applicato anche ai trattori, ai bombardieri prima del 1941 e anche alle navi da guerra. Ma con l'uso diffuso delle Willys 4×4 durante la Seconda guerra mondiale, tutti gli altri usi della parola sono caduti in disuso.

C’è infine anche chi afferma che l'uso di "jeep" nel gergo militare statunitense risalga alla Prima guerra mondiale, quando la parola significava “recluta, novellino”. La jeep era una nuova idea in campo militare (non si era mai visto un veicolo militare a 4 ruote di quelle dimensioni): per trasposizione il termine potrebbe essere stato affibbiato dai soldati al veicolo quando era in fase di prototipo.

8 agosto 2016 Eugenio Spagnuolo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us