Curiosità

Festa della Repubblica italiana: perché il 2 giugno 1946 fu referendum e non plebiscito?

Nel giorno della Festa della Repubblica italiana, ricostruiamo il motivo per cui il 2 giugno 1946 fu indetto un referendum istituzionale, evitando il "plebiscito".

Il 2 giugno si celebra la Festa della Repubblica italiana perché il 2 giugno 1946 l'intera popolazione italiana, con un referendum a suffragio universale, fu chiamata a scegliere tra monarchia e repubblica. Come mai però si parlò di referendum e non di plebiscito?

Etimologia. Per rispondere, bisogna ripercorrere la storia di queste due parole. Dal punto di vista del significato, plebiscito deriva dal termine latino di epoca repubblicana plebis scitum ("decreto della plebe"), che indicava i comizi convocati dai tribuni della plebe. Referendum viene invece da ad referendum: "per riferire". Ma quello che nel 1946 fece la differenza fu come vennero usate nella Storia queste consultazioni popolari.

Democrazia diretta. Il plebiscito viene indetto da chi è al governo solo in casi eccezionali e non è regolato da leggi costituzionali. Il referendum è invece un atto di governo diretto del popolo, previsto dalla Costituzione e regolato da leggi, in risposta a una precisa domanda o proposta rivolta da organi istituzionali, di solito a partire dalla richiesta di un determinato numero di sottoscrittori. Quello del 1946, dunque, sul piano giuridico, era più simile a un plebiscito: le leggi non prevedevano infatti un referendum istituzionale (oggi in Italia vietato dalla Costituzione).

Fantasmi del passato. Il plebiscito, però, nacque con la Rivoluzione francese e servì, nell'Italia risorgimentale, a ratificare annessioni territoriali avvenute sul campo. Inoltre fu lo strumento usato per legalizzare colpi di Stato: da Napoleone fino ai plebisciti elettorali di Mussolini. Così, si preferì parlare di referendum per sottolineare che si trattava di una scelta del popolo e non di un atto formale per una decisione già presa.

2 giugno 2024 Focus.it
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us