Curiosità

Perché la bandiera Usa è a stelle e strisce?

Il 14 giugno 1777 il Congresso Usa adottò come bandiera americana la cosiddetta "Stars and Stripes". La bandiera oggi è formata da 13 righe, che rappresentano le 13 colonie originarie, e 50 stelle, che indicano gli Stati.

La bandiera a stelle e strisce, adottata dal Congresso Usa il 14 giugno 1777, ha sventolato in battaglia per la prima volta a Cooch's Bridge nel Maryland, il 3 settembre 1777, durante la Guerra di indipendenza americana. La scelta di puntare sulla simbologia delle "stelle e strisce" era già stata fatta dai coloni americani, a un anno dall'indipendenza. Eppure il vessillo degli Stati Uniti è tra quelli che hanno subìto più modifiche.

Stelle crescenti. Fino al 1912 non era neppure codificata nelle sue proporzioni, né nella disposizione delle stelle, che variava dal cerchio alle linee. Le stelle furono scelte dal Congresso Continentale nel 1777, per sostituire il vessillo coloniale, che aveva l'Union Jack britannico. Ne misero 13, come gli Stati che si ribellarono a Londra. Le strisce rosse e bianche erano invece già 13. Ma nel tempo il loro numero cambiò.

Stelle e strisce erano destinate a crescere, con l'aggregarsi di nuovi territori: nel 1795 divennero 15 e 15, e il numero continuò a salire. Così nel 1818 si decise che le strisce sarebbero state per sempre 13, e sarebbero aumentate solo le stelle. Nel corso dell'Ottocento la bandiera fu aggiornata 21 volte. Gli americani combatterono le due guerre mondiali sotto una bandiera a 48 stelle, mentre oggi, dal 1960 (con l'annessione delle Hawaii), le stelle sono 50 e l'attuale vessillo ha il record di longevità, fra quelli statunitensi.

14 giugno 2023 Paola Panigas
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us