Curiosità

Perché il primo aprile si fanno gli scherzi? E perché nei giorni di festa si fanno gli scherzi?

Il primo aprile, che cade dopo l'equinozio di primavera, segnava l'inizio dell'anno agricolo: era una data di festa celebrata anche con gli scherzi. Ma la tradizione delle burle nei giorni di festa è molto antica. 

L'usanza degli scherzi del primo giorno di aprile - il pesce d'aprile - ha origini antiche, ma dato che non esistono prove certe, le ipotesi sono molte e diverse tra di loro. Tanto per cominciare, il primo aprile, che cade subito dopo l'equinozio di primavera, segnava l'inizio dell'anno agricolo, della rinascita della natura ed era quindi una data di festa. Perciò era celebrata anche con le burle.

Primo aprile: perché questa data? La scelta del primo aprile come giornata dedicata agli scherzi potrebbe avere diverse spiegazioni. Come riporta anche l'Enciclopedia Treccani, alcuni studiosi sostengono che il pesce d'aprile derivi da un'antica usanza di Firenze dato che proprio il primo d'aprile si mandavano i "semplicioni a comperare, in una speciale piazza, del pesce che vi era solo in effigie"; altri, invece, riportano l'origine di questa usanza a un decreto pontificio che proibiva ai cristiani di mangiare il pesce il primo aprile, giorno dedicato a ricordare il miracolo della Sacra spina avvenuto in Aquileia al tempo del patriarca Bertrando. Un altra ipotesi collega invece l'origine del pesce d'aprile alla fuga di un principe lorenese che, all'epoca di re Luigi XIII, avrebbe attraversato a nuoto la Meurthe.

Perché alle feste si fanno scherzi? Scherzi e burle caratterizzano il primo aprile, il Carnevale, ma anche il Capodanno, Halloween… «Carnevale è un episodio incastonato in un intero semestre di riti, da Halloween, che dà la stura al ritorno degli spiriti, fino a Pasqua, e Pentecoste: un unico rito fondamentale di morte e rinascita», sottolinea l'antropologo Giovanni Kezich. Queste ricorrenze cristiane si sono innestate su precedenti feste pagane legate alle stagioni: i solstizi d'inverno e d'estate, l'equinozio di primavera. 

Che cos'erano i Saturnali? La più rappresentativa di queste feste erano i Saturnali, festeggiati dai Romani dal 17 al 23 dicembre: Saturno era il dio del tempo, della rigenerazione e dell'agricoltura. Durante l'inverno usciva dal sottosuolo e doveva essere celebrato per tornare sotto terra dove avrebbe protetto e fatto poi germogliare i semi. Secondo il mito, Saturno, cacciato dall'Olimpo, arrivò nel Lazio dove instaurò l'Età dell'oro: la terra offriva cibo senza bisogno di coltivazione, non c'erano guerre, malattie né differenze sociali. Perciò, in suo onore, durante i Saturnali le differenze di classe erano abolite: il capo dei festeggiamenti era uno schiavo, estratto a sorte, che si vestiva con una maschera buffa. I ricchi organizzavano banchetti in cui facevano da servitori ai propri schiavi, a simboleggiare il rimescolamento della natura.

Burle e travestimenti servivano quindi a trasgredire l'ordine sociale, le regole, per preparare l'arrivo di un nuovo mondo rigenerato dalla natura.

Tratto da Scherzetto o dispetto?, di Vito Tartamella, in edicola su Focus 366. Perché non ti abboni?

29 marzo 2023
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us