Speciale
Domande e Risposte
Curiosità

Perché i cappelli degli chef hanno al massimo 100 pieghe?

Secondo la tradizione culinaria, il numero delle pieghe della toque blance - o toque da cuoco - corrisponde all'abilità dello chef.

Nella storia dell'arte culinaria, il caratteristico cappello bianco a forma di fungo degli chef, quello in tessuto di cotone pieghettato alla base, detto toque blanche, fece la sua prima comparsa nel IX secolo, sulla testa dello chef francese Antoine Carême (1784 - 1833) al servizio della corte di Giorgio IV del Regno Unito, il quale pensò che sarebbe stato utile per tenere i capelli ed eventualmente anche le gocce di sudore ben lontani dalle pietanze.

La toque blanche dello chef. Per quanto riguarda le pieghe del cappello c'è una diffusa leggenda: il numero delle pieghe può arrivare fino a 100 ed è considerato un indice dell'abilità di chi lo indossa - per ogni ricetta conosciuta, una piega. In particolare, si attribuirebbe a ciascuna piega la padronanza di una ricetta diversa per cucinare un uovo.

più aria per la testa. L'altezza, il tessuto e il colore della toque blanche (in francese è al femminile) rispondono a precise ragioni di funzionalità e praticità, ma anche di igiene - così fondamentale in cucina: la forma allungata serve infatti a creare sopra il capo dello chef uno spazio sufficiente a garantire un ricambio continuo dell'aria ed evitare, così, un eccessivo riscaldamento della testa in un ambiente caldo-umido saturo di vapori qual è la cucina. È proprio il tessuto di cotone, infatti, a permettere una migliore traspirazione, mentre il colore bianco consente frequenti lavaggi anche con acidi candeggianti.

31 marzo 2022
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us