Curiosità

Perché il gelato è meno buono se scongelato e ricongelato?

Il gelato che si scioglie un po', non dovrebbe mai essere ricongelato. Ecco perché cambia gusto e, soprattutto, consistenza.

Preparati con latte, panna, uova e zucchero. E poi lavorati e refrigerati fino a ottenere una consistenza cremosa: sono i gelati, il dolce estivo dai mille gusti a cui è impossibile rinunciare. Ma vi siete accorti che quando il gelato si è un po' sciolto e poi viene ricongelato, non è più buono come prima? Ecco la risposta scientifica: accade perché, quando il gelato si scioglie, perde gran parte del suo contenuto d'aria e cambia anche la consistenza dei cristalli di ghiaccio, che ne modificano la densità.

cover-focus-371 (settembre 2023)

Tutti segreti del gelato nell'articolo Si fa presto a dire gelato!, di Margherita Fronte, in edicola con Focus 371 (settembre 2023). Perché non ti abboni?

Il gelato si fa così. Infatti, il gelato viene montato, incorporando aria: il congelamento e la mantecazione dell'impasto avvengono contemporaneamente e la massa aumenta di volume. Le bolle d'aria e i cristalli di ghiaccio che si creano nel gelato durante il congelamento sono microscopici (20-50 micron) e conferiscono al gelato una consistenza vellutata.

Allo stesso tempo, le bolle d'aria si ricoprono di grassi, che attirano le proteine. Quando il gelato si scioglie, la sua struttura molecolare cambia.

I cristalli di ghiaccio si dissolvono, rilasciando gli zuccheri immagazzinati. Le bolle d'aria fuoriescono, man mano che lo strato di grassi e proteine si assottiglia e il prodotto torna allo stato liquido. Ricongelandolo, non sarà uguale a prima perché, perdendo l'aria incorporata con la mantecatura, non sarà più soffice. Si formeranno cristalli di ghiaccio più grandi, che intrappolano meno zuccheri e il gelato sarà più solido e granuloso.

12 agosto 2023
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us