Curiosità

Perché davanti alla televisione si mangia di più?

Se guardiamo la televisione siamo concentrati su ciò che vediamo. Ed ecco cosa combina il nostro cervello se stiamo contemporaneamente mangiando.

Anche voi cenate davanti alla Tv? Errore. I nutrizionisti consigliano di non mangiare mai guardando la televisione - oppure lo schermo del pc o del cellulare - perché in questo modo si finisce sempre per mangiare più del necessario. E se si è a dieta, o si vuole restare in forma, non è certo una sana abitudine. Il motivo è presto detto: mangiando davanti alla Tv è probabile assumere più calorie del necessario prima che il cervello faccia in tempo a emettere il segnale "Sono sazio", ovvero circa 20 minuti. È questa la conclusione alla quale è arrivato un team di ricercatori dell'Università di Birmingham (UK) che ha esaminato i risultati di 24 ricerche su questo tema: si rischia di mangiare troppo tutte le volte che si pensa ad altro, senza cioè prestare attenzione al cibo ingurgitato.

Memoria e concentrazione. Inoltre, conta anche il fattore memoria: se si mangia distrattamente non resta il ricordo di quel che si è trangugiato e ciò può portare ad assumere più cibo anche nel corso della giornata. Naturalmente, mangiare concentrandosi sul cibo produce l'effetto opposto: una ricerca dell'Università della British Columbia (Canada) ha dimostrato che focalizzarsi sul piacere del cibo (gusto, olfatto, consistenza) porta a mangiarne di meno. Accontentandosi di porzioni più piccole. Insomma, mangiare i pasti davanti alla televisione è una brutta abitudine: provare per credere.

9 novembre 2022 Focus.it
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us