Curiosità

Perché c’è l’abitudine di rivolgersi agli sconosciuti con i pronomi “lei” o “voi”?

I pronomi di cortesia “lei” e “voi” sono nati con l’intento di evitare un riferimento diretto alla persona, perché questo poteva apparire scortese. In origine si utilizzavano gli aggettivi,...

I pronomi di cortesia “lei” e “voi” sono nati con l’intento di evitare un riferimento diretto alla persona, perché questo poteva apparire scortese. In origine si utilizzavano gli aggettivi, seguiti da un nome: sua eccellenza, sua signoria, vostra grazia, vostra magnificenza. Trattandosi in prevalenza di sostantivi femminili accanto al pronome “voi”, si è consolidato l’uso del “lei”. Allo stesso modo si è passati per brevità da “le loro eccellenze” a “loro”, quando le persone cui ci si intende rivolgere sono più d’una.
Per dare autorevolezza alla propria persona, i monarchi (soprattutto in passato) e il Pontefice (ancor oggi) usano invece il plurale maiestatis, cioè la prima persona plurale (noi) al posto del singolare (io). In definitiva, lei e voi sono forme entrambe presenti nella storia della lingua italiana e dei suoi dialetti. Per la precisione, a parte alcune zone dell’Italia appenninica centrale (Abruzzo e Ciociaria), dove ci si rivolge a chiunque con il “tu”, il “voi” è usato nell’Italia del Sud (in Sicilia permangono antiche forme contratte come “vossia”), mentre il “lei” è più presente nel Nord.
In inglese si dà del "you" a tutti. Tutte le lingue europee, del resto, non soltanto quelle di origine latina, contemplano pronomi di cortesia, che generalmente ricalcano fedelmente la seconda persona plurale. “Vous” in francese, “usted” in castigliano, “voceî” in portoghese, “vyi” in russo. Contrariamente a quel che si ritiene, in inglese si usa sempre “you” non perché si tratti di una società egualitaria nella quale si dà a tutti del tu. Anzi, “you” è il pronome di cortesia “voi”, che ha annullato e sostituito quello diretto. La seconda persona singolare, cioè “thou”, è infatti caduta in disuso.

28 giugno 2002
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us