Curiosità

Perché a tutti (o quasi) i popoli del mondo piacciono gli stessi colori?

Il "gusto" per l'accostamento dei colori è simile per quasi tutte le persone di diversi Paesi e culture. La spiegazione può essere biologica.

Quasi a tutte le persone, in tutto il mondo, piacciono alcuni accostamenti di colori e altri no. Perché? Se lo sono chiesto i ricercatori giapponesi della Toyohashi University e quelli della Università di Minho (Portogallo), che hanno messo a confronto le reazioni di individui nei loro rispettivi Paesi alle stesse immagini colorate per capirne le differenze. Il risultato dello studio è stato pubblicato da Scientific Report.

Immagini colorate. Il team di scienziati è giunto alla conclusione che il nostro gradimento nelle arti figurative, ovvero il nostro "gusto" innato, dipende anche da come funziona l'occhio ed è per questo che è simile in tutto il mondo.

Per lo studio, i ricercatori hanno mostrato a 35 persone alcuni dipinti - astratti e figurativi - giapponesi e occidentali. Ogni dipinto era presentato in quattro versioni: oltre all'originale, ve ne erano altre tre versioni con i colori alterati. Nel 70% dei casi si è notato che le persone preferivano gli originali anche se non conoscevano quel dipinto.

I colori dei pittori. Il 60% delle persone continuava a preferire l'insieme dei colori originari anche se il dipinto veniva scomposto in pezzi poi "rimontati" in modo diverso. Gli studiosi hanno pertanto concluso che, probabilmente, i pittori in tutto il mondo hanno un gusto simile per la bellezza del colore e, visto che la cultura non conta, ciò deve dipendere da ragioni biologiche. 

Ogni mese su Focus trovi tante curiosità nello Speciale Focus Domande&RispostePerché non ti abboni?

6 luglio 2022 Raffaella Procenzano
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us