Speciale
Domande e Risposte
Curiosità

Perché gli Egizi mummificavano anche gli animali?

Gli Egizi non mummificavano solo gli esseri umani, ma anche animali come gatti, cani, uccelli e perfino coccodrilli. E non solo per motivi rituali.

Nell'antico Egitto, la pratica della mummificazione rimase in vigore per almeno tremila anni. Secondo alcuni esperti, sarebbero state imbalsamate milioni di persone, dai più grandi faraoni alla gente comune, ma è il numero degli animali mummificati è ancora più impressionante: secondo alcune stime supererebbe i 70 milioni.

Animali e uomini insieme. Quando nel 2020 nella necropoli egizia di Saqqara furono ritrovati oltre 100 sarcofaghi lignei inviolati appartenuti ad alti funzionari pubblici vissuti 2.500 anni fa, fu rinvenuta anche una quantità incredibile di mummie di animali, tra cui soprattutto gatti, ma anche cani, falchi, ibis, coccodrilli e vari generi di scimmie.

Nell'antico Egitto gli animali - che come è noto erano amati e venerati - venivano mummificati in tre occasioni. Sicuramente molti erano gli animali da compagnia dei defunti che, proprio come nella vita terrena, sarebbero dovuti stare con i loro padroni nella vita eterna. Altri, invece, venivano mummificati come offerta agli dei, in quanto considerati sacri. Infine, altri ancora come soprattutto piccioni, oche e vitelli, servivano da mummie alimentari, ovvero una scorta di cibo per sfamare il defunto nella sua vita dell'aldilà.

Tecnica di mummificazione. Come avveniva la mummificazione degli animali? In modo molto simile a quella umana, che consisteva nel "disidratare" il cadavere per agevolarne la conservazione nel tempo, rimuovendone gli organi interni e lavando il cadavere con una particolare soluzione salina a base di natron che la essiccava. Secondo alcuni studiosi, la domanda di animali da mummificare era talmente alta che, in alcuni casi, in mancanza di resti veri, si usava ciò che in vita era appartenuto ad essi, come pezzi di nido o di uova.

17 aprile 2022
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us