Pelato ad arte

iber_54074_web
L'arte su testa calva di Philip Levine e Kat Sinclair.|Picture By©Philip Levine/Kat Sinclair/Iberpress
Finalmente qualcosa che i calvi possono fare e i capelloni no. Quando ha iniziato a perdere i capelli Philip Levine, da Londra, non si è perso d'animo e ha pensato di sfruttare la calvizie per una divertente e innovativa forma d'arte. Con l'aiuto dell'artista inglese Kat Sinclair, specializzata in body art, ha trasformato la sua testa pelata in una tela su cui sbizzarrirsi con colori e materiali inusuali. Ad oggi il suo cranio rasato ha ospitato disegni di farfalle, puntine, aghi impiantati con la tecnica dell'agopuntura, chicchi di caffè, zuccherini colorati e persino mille cristalli Swarovski. Con un'autoironia e una creatività che sono una vera ispirazione per chi è alle prese con l'alopecia.
Una gallery dedicata alle illusioni del bodypainting (guarda)
Body art, tra passato e presente
20 Dicembre 2011 | Elisabetta Intini