Curiosità

Se la pasta è al dente, ne mangiamo di meno?

Se proprio dovete ridurre le dosi della pasta provate a cuocerla sempre al dente. Quando è un po' troppo cotta, infatti, non solo è meno buona ma...

Non puoi fare a meno della pasta eppure dovresti mangiarne di meno per seguire la tua dieta equilibrata? Cucinala al dente perché viene masticata di più e, quindi, inghiottita più lentamente. Ecco il verdetto dello studio di un team Wageningen University & Research, nei Paesi Bassi, che sembra fatto apposta per chi cerca di perdere qualche chilo senza dover rinunciare ad almeno un semplice piatto di spaghetti al pomodoro.

Il team ha osservato un gruppo di volontari a cui sono stati serviti diversi piatti di pasta nell'arco di tre giorni. Si trattava di penne scotte (20 minuti di cottura) oppure al dente (7 minuti), accompagnate da carote, anch'esse con diversi tempi di cottura (20 minuti o 2minuti). I piatti con soli ingredienti ben cotti e, di conseguenza, più morbidi, sono stati consumati il 45% più in fretta.

Pasta scotta. Ingurgitando cibo in fretta, però, si rischia di mangiare più del necessario perché non si dà tempo agli ormoni che segnalano al cervello l'ingestione di cibo di arrivare a indurre senso di sazietà (occorrono dai 15 ai 20 minuti). Precedenti ricerche hanno riscontrato che chi mangia velocemente, fino a quando non si sente pieno, ha tre volte più probabilità di essere in sovrappeso, e che masticare 40 volte ogni boccone (di una torta salata con ripieno di carne, nello studio) riduce l'apporto calorico di oltre il 10% rispetto al masticarlo solo 15 volte. Quindi, la consistenza del cibo è una variabile di cui si può tener conto quando se ne vuole moderare o aumentare l'assunzione. E non solo: la pasta scotta non va bene anche per un altro motivo: provoca un brusco innalzamento degli zuccheri nel sangue e, perciò, fa ingrassare di più.

27 settembre 2023 Margherita Zannoni
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us