Curiosità

Ora solare-ora legale: dal Parlamento UE un primo "sì" all'abolizione del cambio

Il 2021 potrebbe essere l'ultimo anno con cambio dell'ora stagionale, ma a ogni Paese sarà data libertà di scegliere se mantenere l'orario estivo o quello invernale. Se la proposta fosse confermata, sarebbe il caos dei fusi orari.

Alle 2 di notte di domenica 31 marzo l'orologio segnerà le 3. Se è di quelli che si aggiornano automaticamente (cellulari, tv, computer...), altrimenti dovete provvedere da soli a spostare le lancette in avanti di un'ora. Probabilmente sarà l'ultima volta che facciamo il passaggio dall'ora solare (quella di autunno e inverno, per intenderci) all'ora legale (primavera ed estate).

Dunque, (forse) basta col cambio stagionale tra ora solare e ora legale: il Parlamento UE si è detto favorevole a sospendere la convenzione che vuole che si spostino in avanti o indietro le lancette dell'orologio per sfruttare al massimo le ore di luce a disposizione e ridurre i consumi energetici.

Ognuno per sé! Con il voto a favore si è approvata la proposta della Commissione Europea, promossa da alcuni Paesi del Nord Europa sulla scorta di una consultazione ai cittadini sull'utilità del cambio dell'ora, anche se con alcune modifiche. La Commissione chiedeva la soppressione del cambio d'ora già dal 2019, con il mantenimento per tutti dell'ora legale (l'orario estivo, per intenderci).

La nuova proposta rimanda l'abolizione del cambio al 2021 e, in più, lascia a ogni Paese la facoltà di decidere a quale dei due "fusi orari" attenersi.

Orologio biologico e ritmi circadiani: qual è l'ora migliore per fare... tutto? © Stefano Tartarotti per Focus.it

Frammentazione europea. Dove si deciderà di mantenere l'orario estivo, si dovranno spostare le lancette per l'ultima volta l'ultima domenica di marzo del 2021 (per poi restare sull'ora legale "per sempre").

Dove si deciderà di mantenere l'ora "invernale", quella solare, per intenderci, si modificherà l'ora per l'ultima volta l'ultima domenica di ottobre del 2021.

Il (discutibile?) compromesso si è reso necessario per arrivare alla maggioranza e approvare la riforma, ma la mancanza di uniformità tra i Paesi membri della UE potrebbe creare problemi soprattutto di natura economica, nei trasporti, nelle comunicazioni e negli scambi commerciali.

Lo stesso Parlamento UE deve averlo messo in conto, perché ha previsto che la Commissione possa presentare una proposta per postporre l'abolizione di 12 mesi (al massimo), se dovesse ritenere che il nuovo mix orario «possa ostacolare significativamente e permanentemente il funzionamento del mercato unico».

La proposta andrà ora negoziata tra il Parlamento e il Consiglio dell'UE, che riunisce i rappresentanti dei governi dell'Unione Europea: non è detto, quindi, che venga confermata, ma se lo fosse, ogni Paese avrebbe tempo fino all'aprile 2020 per scegliere "da che parte stare".

Chi non l'ha proposto. I Paesi del Sud dell'Europa sono quelli ai quali, per ragioni di latitudine, il cambio dell'ora conviene di più. Italia, Spagna e Portogallo, per esempio, si trovano a circa metà strada tra Polo Nord ed equatore, e ciò fa sì che la quantità di ore di luce non vari di molto tra estate e inverno.

Spostando le lancette avanti di un'ora, a marzo e fino a ottobre (ora legale), in estate abbiamo luce fino alle 21 e ci svegliamo che il cielo è già chiaro. Non abbiamo il problema di avere luce fino a troppo tardi la sera, come invece avviene nel Nord Europa.

27 marzo 2019 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us