Curiosità

Ops.. anche la cioccolata soffre lo spread

Consumo in calo del 17,8% a causa della crisi

di
Per anni si è detto che cacao e cioccolata erano a prova di recessione e crisi economica. Ma gli ultimi dati della European Cocoa Association (ECA) smentiscono questa tesi. Alla faccia della golosità!

"Si temeva un calo del 12%, è stato molto più marcato"

Cioccolato amaro -

Tempi duri per gli amanti, e soprattutto per i produttori, di cioccolata

Euro Chocolate - Dati impietosi: era previsto un calo nella macinatura dei semi di cacao del 12% nel secondo trimestre del 2012, invece si è toccato un -17,8%. Pari a 292.551 tonnellate in meno in Europa, secondo l'ultima rilevazione della Associazione Europea del Cacao. Secondo Francisco Redruello, senior food analyst di Euromonitor International, "Il calo attuale riflette il peggioramento delle condizioni economiche nell'area euro. Se il contagio si allarga anche a Spagna e Italia ci sarà di sicuro un impatto anche nella domanda di prodotti come la cioccolata".

I cali maggiori - Il consumo di cioccolata è in calo un po' in tutta Europa, ma con differenze da paese a paese. La Svizzera, il maggior consumatore al mondo di cioccolata, fa registrare una contrazione dell'8% e un calo nelle esportazioni del 12%. In Germania, altro grosso consumatore, le vendite sono scese del 7,3%. In Spagna, paese devastato dalla disoccupazione al 20%, i consumatori ormai preferiscono fare a meno dei dolciumi per risparmiare: il 43% di loro afferma che taglierà gli acquisti di cioccolata. Tutto questo, a fine anno, potrebbe portare ad un eccesso di produzione di cioccolata in Europa di ben 100mila tonnellate.

Ikea immagina la cucina del futuro

13 luglio 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us