Curiosità

Olympics: telecamere robot dal tocco umano

Telecamere robotizzate dal tocco umano.

a cura di
Le Olimpiadi non sono semplicemente due settimane di sport. Il Comitato Organizzatore dei Giochi Olimpici di Londra è impegnato a garantire che tutto funzioni, dal controllo della folla ai ristoranti, dai trasporti ai servizi igienici. Per Getty Images è stata l’occasione per presentare per la prima volta nuove tecnologie fotografiche.

"È una vera novità nel settore della fotografia"

Uno, due, tre… prova -

Sfida olimpica - Londra 2012 è il primo grande evento sportivo in cui Getty Images utilizza fotocamere completamente robotizzate. Le telecamere televisive lo fanno già da un bel po’, ma il loro utilizzo in fotografia è rivoluzionario. Ottenere una fotocamera robotizzata davvero soddisfacente ha richiesto molto lavoro. Le fotocamere sono intrinsecamente progettate per essere azionate a mano e, senza svelare i segreti del mestiere, riuscire a dare quel tocco umano a una fotocamera appesa a 60 metri sopra lo Stadio Olimpico è stata una bella sfida.

Equilibrista - Le telecamere robotizzate non ovviamente sono finite lassù da sole. Chris McGrath racconta la sua avventura sul “tetto” dello stadio di Londra. O meglio, i suoi quattro giorni perché tanto c’è voluto per piazzarle e impostare i telecomandi per usarle a distanza. Getty Images, infatti, ha usato due fotocamere nello stadio, entrambi sulle diagonali, per coprire la cerimonia di apertura: una era piazzata nella pala di illuminazione e l’altra sulla passerella. Entrambe posizionate per seguire il volo delle Red Arrows, il team acrobatico della Royal Air Force britannica. Non è stato un lavoro semplice, spiega Chris McGrath, perché, oltre al sangue freddo, sono serviti un paio di stivali con la punta d’acciaio, cappello rigido ed elmetto e soprattutto abiti leggeri... «era bollente lassù!»

3 agosto 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us