Curiosità

Oh là là! L'antenato del Bordeaux viene dall'Italia

Finalmente abbiamo le prove per pavoneggiarci con gli amici francesi: una ricerca archeologica dimostra che il vino fu importato in Francia dalla nostra penisola.

Cari francesi, finalmente abbiamo le prove che sul vino abbiamo fatto scuola: avete imparato a produrlo dai nostri antenati, circa 2500 anni fa. Lo dimostra una ricerca condotta dall'archeologo Patrick McGovern dell'Università della Pennsylvania, che ha dedicato gran parte della sua carriera allo studio delle origini della viticoltura.

[Sai che a causa del riscaldamento globale il vino potrebbe scomparire?]

500 a.C, un'annata d'oro

McGovern ha analizzato alcune anfore etrusche ritrovate a Lattes, città portuaria adiacente a Montpellier e anticamente conosciuta con il nome di Lattara, dove gli Etruschi provenienti dall'Italia commerciavano con i Galli. Queste anfore risalgono al 500 a.C. circa e lo studio molecolare ha dimostrato che contenevano vino della stessa epoca. L'archeologo ha sottoposto ad analisi molecolare un altro reperto di calcare, probabilmente un'antica pressa, rinvenuto nella stessa zona e risalente al 400 a.C. circa, sul quale ha riscontrato le più antiche tracce di componenti chimici di vino locale mai ritrovate in Francia.

Una scoperta... già in cantina
Ebbene, tutto questo dimostra che i Galli importavano vino dagli Etruschi e, soltanto un centinaio di anni dopo, cominciarono a piantare la vite per produrne a loro volta. L'ipotesi non era nuova, ma McGovern spiega che «per la prima volta abbiamo informazioni chimiche, archeologiche e botaniche che insieme contribuiscono a raccontare una storia coerente».

In attesa di avere qualche notizia in più su pane e formaggi, amici francesi, ci gongoliamo un po' e brindiamo a questa scoperta con un bel bicchiere di vino, italiano o francese, poco importa. Santé!

9 giugno 2013 Sara Zapponi
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us