Curiosità

Non era un oggetto per rammendare... : questo era un dildo romano

L'oggetto in legno ritrovato nel 1992 nel forte costruito dai Romani a Vindolanda, in Inghilterra, fu catalogato come un arnese per rammendare: invece è probabile che sia un antico e raro dildo.

Altro che antico arnese per rammendare usato dai Romani stanziati nel forte di Vindolanda, Northumberland, al confine tra Scozia e Inghilterra: questo oggetto in legno potrebbe essere un dildo di 2000 anni fa.

Come è possibile che gli archeologi si siano sbagliati? La storia è questa: un reperto archeologico in legno a forma di fallo (e lungo 16 cm) scoperto nel 1992 - ed esposto presso il museo di Vindolanda -, era stato catalogato come uno strumento da rammendo, probabilmente poiché era stato trovato accanto a dozzine di scarpe e accessori per abiti e altri piccoli strumenti e prodotti di scarto artigianale come ritagli di cuoio e corna lavorate. Adesso, però, un team di esperti della Newcastle University e dell'University College di Dublino ritiene che questo fallo in grandezza naturale fosse usato dai Romani a scopo sessuale. In tal caso, si tratterebbe di un ritrovamento molto importante: il primo sex toy mai recuperato in tutto l'Impero romano. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Antiquity.

Il fallo di Vindolanda.
Il reperto archeologico fotografato da Rob Sands, docente di archeologia dell'University College di Dublino e autore dello studio insieme a Rob Collins, archeologo della Newcastle University. Il fallo in legno è esposto al museo di Vindolanda. © Rob Sands, Cambridge University

Nell'articolo, però, gli studiosi non escludono altre due ipotesi: questo reperto archeologico poteva anche essere anche un portafortuna oppure un pestello usato in cucina.

Il fallo portafortuna. La seconda ipotesi - oltre a quella del dildo - viene spiegata così: l'oggetto era stato probabilmente inserito in una statua che i passanti potevano toccare per proteggersi dalla sfortuna. È noto che, per i Romani, il fallo fosse considerato un portafortuna: sono molti, infatti, quelli raffigurati negli affreschi e mosaici giunti fino a noi, quelli incisi nella ceramica o quelli diventati manici di coltelli. Per lo stesso motivo, piccoli falli in osso o in metallo diventavano ciondoli intorno al collo usati come amuleti contro la sfortuna o il malocchio. Ma se così fosse - dicono gli esperti - la statua sarebbe stata collocata vicino all'ingresso di un edificio importante, come la casa di un ufficiale o l'edificio del quartier generale, mentre lo stato di conservazione dell'oggetto dimostrerebbe che fosse in uso all'interno, o quanto meno che fosse stato esposto all'esterno per poco tempo.

Un pestello di legno in cucina. Ecco quindi che potrebbe essere anche valida un ultima e terza spiegazione: poiché questo oggetto ha una forma maneggevole e inoltre presenta le due estremità molto più lisce - indicando dunque un contatto ripetuto nel tempo - forse veniva usato come pestello, sia a scopi culinari che per macinare ingredienti per cosmetici o trattamenti medicinali.

Inoltre, proprio la sua forma fallica avrebbe trasmesso magia al cibo o agli ingredienti preparati.

Spiega Rob Collins, archeologo della Newcastle University: «La dimensione del fallo e il fatto che sia stato scolpito nel legno solleva una serie di domande sul suo uso nell'antichità. Non possiamo essere certi della sua destinazione d'uso, come invece lo siamo per la maggior parte degli altri oggetti fallici che hanno lo scopo di portare fortuna, ma poiché sappiamo anche che gli antichi romani e greci usavano diversi tipi di strumenti sessuali, ecco che questo oggetto di Vindolanda potrebbe esserne un raro esempio».

Conclude Rob Sands, docente di archeologia presso la University College di Dublino: «Gli oggetti in legno sarebbero stati comuni nel mondo antico, ma sopravvivono solo in condizioni molto particolari – nel nord Europa normalmente in depositi bui, umidi e privi di ossigeno. Quindi il fallo di Vindolanda è un reperto rarissimo, sopravvissuto per quasi 2000 anni e recuperato dal Vindolanda Trust perché le condizioni di conservazione sono rimaste finora stabili. Tuttavia, i cambiamenti climatici e l'alterazione delle falde acquifere minacciano la sopravvivenza di oggetti come questo».

25 febbraio 2023 Fabrizia Sacchetti
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us