Curiosità

Nobel per la Pace 2016 a Juan Manuel Santos

Il Presidente della Colombia è stato premiato per l'impegno nel porre fine a una guerra civile durata 50 anni, attraverso uno storico (e controverso) accordo con le FARC.

Il Comitato Norvegese per il Nobel (l'istituzione che designa il Premio Nobel per la Pace), ha deciso di assegnare quest'anno il prestigioso riconoscimento al Presidente della Colombia Juan Manuel Santos, "per il suo impegno risoluto nel porre fine alla guerra civile che da 50 anni interessa il suo paese, una guerra che è costata la vita ad almeno 220 mila colombiani e ha causato oltre 6 milioni di sfollati".

Il no del popolo. Santos ha dato il via ai negoziati sfociati nello storico accordo di pace tra il governo colombiano e i rappresentanti delle forze armate rivoluzionarie della Colombia (FARC) siglato il 26 settembre dopo 4 anni di trattative. L'accordo è stato bocciato dagli elettori colombiani chiamati a schierarsi in favore o contro la trattativa il 2 ottobre scorso: chi si è opposto, la maggioranza dei votanti, ha criticato non l'accordo in sé ma le condizioni giudicate troppo favorevoli alle FARC (con importanti sconti di pena in cambio del cessate il fuoco).

Sulla via giusta. Il riconoscimento del Nobel vuole essere un incoraggiamento a continuare le trattative: "Il fatto che la maggioranza dei votanti abbia respinto l'accordo di pace non significa necessariamente che il processo di pace sia morto" si legge nel comunicato. "Il referendum non è stato un voto per o contro la pace. Quello rigettato dal fronte del no non è stato il desiderio di pace ma uno specifico accordo".

7 ottobre 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us