Curiosità

Il fatberg, il mostro di grasso di Londra, è esposto in un museo

A settembre l'ammasso di unto e rifiuti del peso di 130 tonnellate era stato rimosso dalle fogne di Whitechapel: ora due sue piccole parti sono esposte al museo cittadino, e sono in parte ancora "vive".

Il quartiere di Whitechapel, a Londra est, è tradizionalmente associato alla figura di Jack lo Squartatore. Ma da settembre 2017 è noto anche per un altro "mostro": un fatberg (letteralmente un iceberg di grasso), un blocco di unto rappreso e altri rifiuti che occludeva quel tratto fognario. A Londra se ne trovano periodicamente, ma questo ha fatto notizia perché pesava 130 tonnellate (quanto 11 autobus a due piani) ed era lungo 250 metri, 6 metri in più del London Bridge.

Lustratevi gli occhi. Ora la massa calcificata di grasso, feci, salviette umidificate, pannolini, condom usati, avanzi di cibo e tutte le altre schifezze che potete immaginarvi gettare nel wc (anche quando non ci andrebbero) è in mostra al Museo di Londra.

Due pezzi del relitto urbano - uno delle dimensioni di una pagnotta e uno disintegrato in quella che sembra una montagna di tartufi - sono stati fatti asciugare all'aria aperta (in speciali sistemi di tre scatole per evitare contaminazioni), passati ai raggi X per escludere la presenza di oggetti taglienti e quindi sigillati e riposti in una teca.

Una minuscola porzione. Raccoglierne parti più grosse non è stato possibile: il mostro di grasso era ormai solido come cemento, tanto che per rimuoverlo dalle fogne sono stati impiegati seghe e pali, e i vari pezzi sono stati poi fatti passare dai tombini. I visitatori potranno contemplare il lato oscuro dell'umanità almeno per i prossimi sei mesi: poi occorrerà appurare le condizioni di conservazione dello strano reperto. Che non emana più l'odore putrido degli inizi ma che in compenso è... vivo: al suo interno si trovano ancora larve di mosca che, occasionalmente, maturano, emergono e spiccano il volo.

Qui sotto, per gli stomaci forti, il video della scoperta del fatberg:

16 febbraio 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us