Speciale
Domande e Risposte
Curiosità

Perché c'è la nazionale dell'Inghilterra e non quella del Regno Unito?

Agli Europei di calcio e di rugby (ma pure ai Mondiali) i Paesi britannici partecipano ognuno con la sua nazionale. Alle Olimpiadi invece partecipano come Regno Unito. Perché?

In alcuni sport come il calcio e il rugby non c'è la nazionale del Regno Unito, ma si vedono competere singolarmente (e talvolta anche una contro l'altra) le squadre di Inghilterra, Galles, Scozia e Nord Irlanda. A cosa è dovuto?

Il motivo per cui a livello sportivo l’unità nazionale dei quattro territori del Regno Unito non si è mai del tutto realizzata risale al XIX secolo, quando sull’isola nacquero sport come calcio e rugby.

Per sempre separate. I loro regolamenti furono infatti redatti dalle singole federazioni "locali" e acquisiti in seguito dalla Fifa (l'ente che gestisce il gioco del calcio a livello mondiale) e dall'Irb (l'analogo della Fifa per lo sport con la palla ovale): al momento dell'affiliazione, le federazioni inglese, scozzese, gallese e nord irlandese ottennero così il mantenimento della propria autonomia sportiva.

E continuarono a partecipare alle principali competizioni per squadre nazionali (campionati Mondiali ed Europei) ciascuna per conto proprio. La loro influenza è oltretutto attestata dal fatto che, ancora oggi, l’ente che stabilisce (e, in caso di necessità, modifica) le regole del calcio (l’Ifab) è composto da soli membri britannici e che la Fifa stessa non può imporre alcun cambiamento delle norme sportive.

Ogni tanto, però, l'occasione per vedere calciatori e rugbysti dei quattro Paesi competere uniti sotto la stessa bandiera, come compagni della stessa squadra, capita. Accade, per esempio, in occasione delle Olimpiadi: nessuno di questi Paesi, infatti, è ufficialmente riconosciuto dal Comitato Olimpico e dunque gli atleti gareggiano tutti insieme - come in tutte le altre discipline sportive - con la divisa del Regno Unito.

8 luglio 2021 Focus.it
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us