Curiosità

Luis Alberto Spinetta: chi è il "doodle" di oggi?

Il musicista argentino Luis Alberto Spinetta ha ispirato Google, ma non solo: persino un sistema di intelligenza artificiale ha provato a suonare come lui.

Si vede che ultimamente a Google hanno proprio una predilezione per le figure "outsider" e, al contrario di quanto accadeva in passato, quando i doodle erano dedicati sempre a celebrità planetarie, ora accade spesso che il "riconoscimento" sia riservato a figure non conosciutissime.

È accaduto tra gli altri con l'aviatrice australiana Maude Lores Bonney, con la religiosa-medico tedesca Ruth Pfau, con l'attrice di origine cinese Anna May Wong... e oggi è il turno di Luis Alberto Spinetta, cantante e musicista argentino, considerato da molti il padre del rock and roll in lingua spagnola, di cui Google vuole ricordare il settantesimo anniversario della nascita.

Talento precoce. Luis Alberto Spinetta era nato infatti il 23 gennaio 1950 a Buenos Aires; mostrò fin da giovanissimo le sue attitudini musicali e già a 17 anni formò con due compagni di scuola quelloche sarebbe diventato uno dei più importanti gruppi rock argentini (Almendra).

Artaud
L'album musicale Artaud, dalla iconica forma irregolare.

Molto attivo negli anni Ottanta e Novanta, Luis Alberto Spinetta (soprannominato el flaco, il "secco", per la sua corporatura esile) ha cantato con molte band, tra cui i Pescado Rabioso: con loro realizzò l'album Artaud dalla iconica forma irregolare (vedi foto) e il cui colore verde ha ispirato proprio il doodle di Google.

L'intelligenza artificiale. Spinetta morì prematuramente l'8 febbraio 2012 a Buenos Aires, ma la sua musica continua ad avere un grande impatto: nel 2019, per esempio, un ingengere informatico argentino creò un programma di intelligenza artificiale che creasse canzoni ispirandosi proprio allo stile di Luis Alberto Spinetto.

23 gennaio 2020 Roberto Graziosi
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us