Curiosità

Look trash... Zuckerberg, ma come ti vesti?

Il suo guardaroba è tutto uguale.

di
Vuoi seguire il look di uno dei manager più influenti di oggi, ma hai paura di dover sborsare troppo? Allora prendi come esempio Mister Facebook e sarà tutto più semplice di quello che credi.

"Conduce una vita tranquilla, e si veste sempre nello stesso modo"
Viva la sincerità - Mark Zuckerberg, in un’intervista rilasciata a "Today" - programma dell’americana NBC, l’ha detto chiaro e tondo. Il suo guardaroba è piuttosto semplice, e vanta una collezione di almeno venti magliette grigie. Per la precisione ha detto: «Insomma, mi metto la stessa cosa tutti i giorni, cioè, se poteste vedere il mio guardaroba...». Sarà poco originale, ma almeno è semplice.

Tipico da nerd? - Insomma, niente di cui andare troppo fiero. L’anno scorso GQ ed Esquire’s, in effetti, l’hanno anche inserito fra gli uomini peggio vestiti del 2011. Ma a lui non sembra preoccuparsene più di tanto, anzi. Tiene a precisare che, mentre la moglie ha “un mucchio di roba”, a lui basta un misero cassetto. Pieno di magliette grigie. Identiche.

O spirito d’emulazione? - L’inventore di Facebook spiega che il suo stile minimalista è semplicemente qualcosa che lo accomuna con tutti gli altri uomini. Tiene alla naturalezza, tanto è vero che nessuno dei suoi dipendenti lo chiama Mr Zuckerberg, preferendo invece un più diretto Mark. Sarà. Magari vuole assomigliare ad altri grandi personaggi dal look così basilare, come Steve Jobs e Albert Einstein.

La virtù sta nel mezzo - Intanto ne approfitta per dire qualcosa sul suo iPhone 5, che Tim Cook, amministratore delegato di Apple, gli ha fatto recapitare. Cosa ne pensa? Un dispositivo come un altro, carino, come quelli che usano Android. Non si sbilancia dunque. Sarà che il monocromo delle sue magliette gli permette di non scegliere: né bianco né nero... lui se ne sta vagamente sul grigio. (sp)

Furto d'identità su Facebook? Evitalo così!

4 ottobre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us