Curiosità

Una birra di 220 anni

Lieviti attivi, recuperati da un mercantile affondato nel XVIII secolo, sono stati usati per produrre una birra unica al mondo, virtualmente vecchia di due secoli.

Va bene la birra invecchiata, ma 220 anni non vi sembrano troppi? Eppure c'è chi l'ha fatto (berla), anche se - a dirla tutta - non era la birra a essere stagionata, ma i lieviti utilizzati per produrla.

La storia è questa: un team di ricercatori australiani, che esplorava il relitto di un mercantile affondato al largo della Tasmania nel 1797, la Sidney Cove, ha recuperato dalla stiva parte del carico, tra cui due bottiglie che - si è poi scoperto in laboratorio - contenevano lieviti ancora attivi (Brettanomyces e Saccharomyces).

Utilizzando i campioni recuperati e un metodo di preparazione risalente al XVIII secolo, i ricercatori hanno prodotto un lotto di birra che, con un guizzo di fantasia, hanno poi chiamato Conservation Ale. L'hanno anche bevuta, è naturale, e l'hanno trovata «leggera e fresca».

La Sidney Cove. Il mercantile era diretto a Port Jackson (Australia) con un carico di vestiti, the, riso e birra. Il relitto fu scoperto nel 1977 e, negli anni, i sommozzatori hanno recuperato - tra le altre cose - diverse bottiglie, oggi conservate al Queen Victoria Meuseum di Launcheston, in Tasmania. È stato David Thurrowgood, curatore del museo e chimico di formazione, a sospettare che i lieviti potessero essere ancora attivi.

I lieviti appartenenti al genere Saccharomyces sono largamente utilizzati anche oggi, sia per le produzioni alimentari che alcoliche (birra e vino). Il più noto è il Saccharomyces cerevisia, conosciuto anche come lievito di birra. Il genere Brettanomyces è invece noto per le sue fermentazioni poco prevedibili, ma era quello più usato ne XVII secolo per la produzione di birra.

Quelli recuperati, però, contengono sequenze genetiche differenti da qualsiasi ceppo moderno: un mix tra quelli che oggi vengono utilizzati da birrai, panettieri e vinificatori. I ricercatori hanno confrontato queste sequenze genetiche con quelle di molti lieviti oggi in uso, in Australia e nel mondo, riscontrandone l'assoluta unicità.

Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Perché Gesù finì sulla croce? A chi dava fastidio davvero, e di cosa fu accusato? Nella Palestina di duemila anni fa, ricostruiamo il processo che condannò alla più terribile delle pene il predicatore di Nazareth, consegnandolo per sempre alla Storia e, per i credenti, alle braccia del Padre.

ABBONATI A 29,90€

Il cervello è l'organo più complesso da scoprire. Ecco le ultime rivelazioni della scienza. Inoltre: i laboratori bunker dove si manipolano i virus; tornano i supersonici per attraversare la stratosfera; quanto e come si allenano gli atleti delle Olimpiadi.  E ancora sei bugiardo o super bugiardo? Scoprilo con il test. 

ABBONATI A 29,90€
È vero che il mare non è sempre stato blu? La voglia di correre è contagiosa? Perché possiamo essere crudeli con gli altri? Si possono deviare i fulmini? Che cosa fare (e cosa non fare) per piacere di più? Queste e tantissime altre domande e risposte, sempre curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R.
 
ABBONATI A 29,90€
Follow us