Il 2013 in 20 foto

Ecco le foto del giorno di Focus.it più viste, cliccate e condivise di tutto il 2013: dal grattacielo nel quale hanno scordato l'ascensore ai mangiatori di lucertole, da Nessie allo sbarco di Opportunity su Marte. Qual è la tua preferita?

Si chiama "InTempo" e con i suoi 47 piani, quando sarà ultimato (se sarà ultimato), diventerà il più alto edificio residenziale d'Europa. Lo stanno costruendo in Spagna, nel comune di Benidorm, non lontano da Alicante.

Si tratta di progetto assolutamente avveniristico: due torri gemelle alte 200 metri unite alla sommità da un cono rovesciato. E chi comprerà un appartamento tra il 21° e il 47° piano si assicurerà anche una perenne forma fisica da vero atleta. Già, perché a causa di un errore di progettazione gli ultimi 27 piani dell'edifcio non sono serviti da alcun ascensore.

Ma com'è possibile un errore del genere? Secondo i media spagnoli il progetto originale prevedeva solo i primi 20 piani: gli altri sono stati aggiunti in corso d'opera ma chi ha ridisegnato il grattacielo si è scordato dello spazio per il vano ascensore.
 
Come finirà questa incredibile vicenda? Al momento è difficile dirlo: il complesso è finito al 95% e quasi tutti gli appartamenti sono stati venduti. Nel frattempo la società costruttrice è fallita e la proprietà dell'immobile è passata in mano a una banca che non sembra intenzionata a finanziare le ulteriori modifiche necessarie a rendere abitabile il grattacielo.

Kingdom Tower: la torre più alta del mondo vista da molto vicino
Ecco come saranno i grattacieli del futuro

Una gigantesca tempesta nell'emisfero nord di Saturno è immortalata in questa spettacolare immagine realizzata dalla sonda Cassini: un biglietto di invito per “Occhi su Saturno”, la manifestazione di osservazione diffusa che si tiene questa sera in tutta Italia.
Con la collaborazione di astrofili, planetari, osservatori e istituti di ricerca, saranno oltre 100 gli eventi di osservazione e altre iniziative interamente dedicate al Signore degli Anelli (qui l'elenco completo).
Giunta alla seconda edizione, dopo il grande successo conseguito nel 2012, l'iniziativa sarà un'occasione inconsueta per avvicinare il grande pubblico all'astronomia, oltre che per ricordare l'astronomo Gian Domenico Cassini, il grande studioso del pianeta dagli anelli a cui è stata dedicata la sonda partita nel 1997 e ancora oggi al lavoro nel sistema di Saturno (il meglio della Missione Cassini).

Per maggiori informazioni sull'iniziativa visita il blog Una finestra sull'Universo.
E non perdere le più belle foto del Signore degli Anelli.

Chi l'ha detto che i giorni piovosi sono tristi? Sicuramente non gli abitanti della casa che suona sotto la pioggia, allietati dalla musica che esce direttamente dalle grondaie.
Lo straordinario edificio "musicale" con le pareti color turchese si trova in Germania, nel quartiere Neustadt Kunsthofpassag di Dresda. Le grondaie di ottone sono collegate una all'altra da numerosi imbuti, tanto da trasformarne la facciata in un gigantesco strumento musicale che funziona... ad acqua.
Non solo affascinante, ma addirittura un'opera d'arte sonora che è diventata una delle principali attrazioni turistiche della città tedesca.

Guarda anche gli edifici che fanno le boccacce e l'eco-casa del futuro fatta di pannocchie.
Case da pazzi: non perdere gli edifici più strani e curiosi del mondo.

22 saune, 9 piscine di acqua gelata e 100 chilometri di distanza da percorrere, nudi o quasi, in mezzo alla neve: questo hanno affrontato i partecipanti della Maratona Europea della Sauna tenutasi il 10 febbraio scorso a Otepaa, in Estonia, giunta alla quarta edizione.
Nel minor tempo possibile gli oltre 600 concorrenti dovevano visitare tutte le saune del percorso e saltare nelle buche piene di acqua gelata, affrontando l'impressionante sbalzo termico tra interno ed esterno. Tra una tappa e l'altra qualcuno si è coperto con un accappatoio, ma molti hanno preferito non perdere tempo e raggiungere la tappa successiva come mamma li ha fatti.
E se pensate che fareste una cosa del genere solo per vincere un premo da mille e una notte, così non è per i partecipanti: in palio ci sono "solo" alcuni biglietti per entrare gratis nelle saune e nelle spa del luogo.

Perchè la sauna fa bene?

Con oltre 35.000 km percorsi alle spalle e numerose importanti scoperte scientifiche, Opportunity compie oggi 9 anni sul suolo marziano (guarda il video). Anche se negli ultimi mesi la scena è tutta per Curiosity, il piccolo vecchio rover della NASA batte tutti per longevità e resistenza per quanto riguarda le missioni sul Pianeta Rosso, detenuto in precedenza dalla sonda Viking 1 con 6 anni e 116 giorni.
Durante questi 9 anni della missione che inizialmente avrebbe dovuto durare solo 90 giorni, Opportunity ha esplorato il suolo marziano fin dentro diversi dei suoi numerosi crateri, permettendo di fare importanti scoperte geologiche, dai "mirtilli di Marte", ovvero granuli di ematite, fino a formazioni di spiagge antiche. E la missione continua.
Nella foto di famiglia della NASA, sono ritratte tre generazioni di rover marziani: il più piccolo sulla sinistra è il rover di riserva di Sojourner, il primo ad andare su Marte nel 1997 con la missione Mars Pathfinder Project. Alle sue spalle si trova il fratello gemello di Spirit e Opportunity, entrambi atterrati sul Pianeta Rosso nel 2004, mentre il più grande è il test rover di Curiosity, che ha raggiunto i suoi predecessori il 5 agosto 2012.

Segui gli aggiornamenti settimanali di Focus direttamente dal Pianeta Rosso.
Dalla NASA tutti gli approfondimenti sui rover marziani.

Dopo un viaggio lungo quasi 10.000 anni eccola arrivare nei nostri cieli proprio il giorno di Natale, colmando il vuoto lasciato da ISON. In questa bellissima immagine catturata a Cologna, in Germania, lo scorso 26 novembre la cometa di Natale si mostra in tutto il suo splendore.
Se il nome Lovejoy non vi è nuovo avete ragione: in realtà quella di quest'anno, la C/2013 R1, è la quarta cometa scoperta da Terry Lovejoy, astrofilo australiano, divenuto famoso con un’altra cometa, la Lovejoy C/2011 W3 che nel dicembre del 2011 fece capolino nei cieli australi.
La Lovejoy di questi giorni è passata vicino alla Terra il 19 Novembre e passerà al perielio, avrà cioè la minima distanza dal Sole, il 22 dicembre. La sua distanza dalla nostra stella resterà comunque intorno al valore della distanza che c’è tra la Terra e il Sole e quindi non passerà cosi vicina da rischiare di fare la fine della ISON.
Lovejoy è una cometa a lungo periodo e la prossima volta che transiterà vicino alla Terra sarà fra circa 7 mila anni. Ma niente paura: secondo gli astronomi sarà visibile anche a occhio nudo fino a Capodanno. Per osservarla basta prendere come riferimento l’Orsa Maggiore e prolungare con una linea immaginaria le ultime due stelle del Grande Carro, fino ad individuare Arturo, la stella più luminosa della costellazione di Boote: la cometa di Natale è proprio lì (la guida dettagliata per vederla nel blog di Mario Di Martino).

Se vuoi seguire la sua posizione in diretta clicca qui.
Code nel cielo: le più belle foto di comete.

Non sono finte: le zampe che fuoriescono dalla bocca di quest'uomo appartengono a una lucertolona della famiglia Uromastyx, considerata una vera prelibatezza in diverse parti del Medio Oriente. E il signore della foto se l'è appena mangiata cruda, secondo le usanze locali.
Catturate utilizzando degli uncini o a mani nude durante la stagione primaverile, queste lucertole diffuse nei deserti dell'Africa sub sahariana e in Arabia Saudita hanno dimensioni molto diverse a seconda della specie, che possono variare dai 22 cm della piccola uromastice dalla coda a pettine (Uromastyx princeps) ai giganteschi Uromastyx aegyptia che possono raggiungere anche i 90 cm di lunghezza. L'esemplare a cui appartengono le zampe della foto è un Uromastyx ocellata, anche conosciuta come dabb lizard, un sauro di piccole dimensioni (raramente supera i 30–35 cm) e molto colorato.
Le lucertole vengono consumate alla griglia o crude e secondo le credenze popolari il loro sangue sarebbe un toccasana per rinforzare il corpo e curare le più svariate malattie.

I 5 piatti etnici più disgustosi del mondo.
Quanti insetti mangiamo con il cibo? Già, perchè i cibi che portiamo sulle nostre tavole contengono anche frammenti di insetti che finiscono lì durante i processi di lavorazione.
Pancia mia fatti capanna: un viaggio tra i cibi e i piatti più strani del mondo.

Anche la stampa è invitata alla "storica" rimozione del generatore di 156 tonnellate posizionato nel blocco 3 della centrale nucleare di Lubmin, in Germania.
L'impianto, il più grande e importante della ex Repubblica Democratica, è stato dismesso alla fine degli anni'90 insieme agli altri siti nucleari della Germania orientale, dopo la caduta del Muro di Berlino. Da quel momento, Lubmin è stata oggetto di una serie di operazioni di smantellamento nucleare costate qualcosa come 4,1 miliardi di euro, ma tutt'oggi non ancora concluse. Quello dismesso i giorni scorsi è l'ultimo dei grandi componenti radioattivi ancora presenti nell'impianto.
Angela Merkel, in seguito del disastro di Fukushima in Giappone di cui oggi ricorre il secondo anniversario, ha decretato la chiusura entro il 2022 di tutte le centrali nucleari, ma resta aperto il problema dello smaltimento delle scorie nucleari.

Come si spegne un reattore nucleare? Scoprilo qui.

La Germania in rivolta contro una discarica di scorie radioattive.

Quando uno dei bruchi più grandi del mondo si trasforma in farfalla, questa non può che essere una delle più grandi e maestose che esistono sulla Terra. Proprio come nel caso del bruco di Farfalla Cobra (Attacus Atlas) di questa fotografia scattata al giardino botanico di Berna, in Svizzera. Un nome che incute timore, anche se in realtà con il temibile serpente non ha nulla in comune se non il particolare disegno delle sue ali che ricorda i colori dell'omonimo rettile (guardala qui).
Lungo ben 25 cm, dopo la metamorfosi questo bruco darà vita a una splendida falena dall'apertura alare che può raggiungere i 30 cm, ma dalla vita molto breve: avrà solo pochi giorni per accoppiarsi e deporre le uova, prima di morire di fame a causa del suo apparato boccale che nel lepidottero adulto è completamente atrofizzato.

L'alta tecnologia delle ali di farfalla.
Macrocosmo: faccia a faccia con gli insetti.

Non è una certo passeggiata per questa bambina di Nairobi farsi pettinare come vuole la tradizione locale. Ma non è nulla a confronto di quanto dovrà affrontare per diventare una "vera" donna africana. L'usanza della mutilazione genitale femminile tra le popolazioni africane ha già colpito nel mondo 140 milioni di bambine, mettendone a rischio ogni anno altri 3 milioni.
Di fronte all'inimmaginabile serie di conseguenze fisiche, psicologiche e igieniche di questa barbara usanza, l'Assemblea generale dell'ONU lo scorso 20 dicembre ha adottato una risoluzione di messa al bando universale questa pratica, mentre oggi in tutto il mondo si celebra la Giornata contro le mutilazioni genitali femminili.

In quale Paese si trova la maggiore libertà sessuale?

Credete che le uova azzurre siano un'esclusiva dei banchetti di Pasqua? Decisamente no. Anche se la maggior parte delle uova degli uccelli sono bianche, esistono diverse specie che depongono uova azzurre, magari screziate o maculate. Come nel caso dei merli (Turdus merula), degli storni (Sturnus vulgaris) o di specie che vivono il luoghi lontani come il mountain bluebird (Sialia currucoides) della foto, l'uccellino azzurro di montagna del continente americano.
E proprio ispirandosi alla natura, sul finere dell'Ottocento è stato identificato un colore particolare, il cosiddetto azzurro "uova di pettirosso": il curioso nome in realtà deriva proprio dal particolare colore delle uova del pettirosso americano (Turdus migratorius, un lontano parente del nostro pettirosso europeo Erithacus rubecula). Una sua gradazione più pallida è stata adottata e registrata come colore ufficiale dalla famosa gioielleria newyorkese Tiffany&co, chiamata appunto Blue Tiffany.

Uova... con sorpesa!
Storni: gli artisti del cielo. Guarda anche il loro magico volo in questo video spettacolare.

Da simbolo di seduzione a simbolo contro la violenza sulle donne: sono le scarpe rosse, utilizzate per la prima volta il 27 luglio 2012 dall'artista Elina Chauvet per la sua installazione di arte pubblica di fronte al consolato messicano di El Paso, in Texas, in onore delle centinaia di donne uccise nella città messicana di Juarez.
Da quel giorno le scarpe rosse sono diventate il simbolo della lotta contro la violenza sulle donne. Ciascuna riportante il nome di una donna assassinata, oggi - giornata internazionale contro la violenza sulle donne - verranno sparse negli angoli di molte città del mondo e insieme a manifestazioni ed eventi ricorderanno tutte quelle donne assenti.
Che, a guardare le cifre, aumentano in maniera terrificante: solo in Italia ogni tre giorni una donna viene uccisa da un marito, un fidanzato, un amante o un ex. E questo è solo la punta dell'iceberg rispetto ai 14 milioni di episodi di violenza di cui sono vittime ogni anno le donne italiane.

iFocus contro la violenza sulle donne: guarda la gallery con le foto dei lettori.
A.D. 1738, una donna uccide. Chiesta la grazia al Papa e la forca per il Giudice: Focus svela i retroscena di un fatto di sangue risalente a 275 anni fa.

“Buon sonno, invecchiamento sano”: è stato questo lo slogan della 6° Giornata Mondiale del Sonno promossa dalla World Association of Sleep Medicine (Wasm) celebrata ieri, 15 marzo.
Sono sempre più numerosi gli studi scientifici che dimostrano come il sonno sia importante almeno quanto un'alimentazione sana e un'attività fisica regolare non solo da bambini, ma a tutte le età. Se aggiungiamo il fatto che ogni individuo trascorre fino a un terzo della propria vita dormendo, appare chiaro come gli effetti del sonno sulla salute non possano essere trascurati.
Dormire male, un problema che riguarda il 30% degli italiani, può avere diversi effetti negativi sulla salute psico-fisica sia a breve che a lungo termine, come obesità, diabete, indebolimento del sistema immunitario, ansia, depressione, fino ad alcune forme di tumore (cosa succede se non si dorme abbastanza?).

Le regole per dormire meglio.
E tu, dormi abbastanza? Scoprilo con il multimedia di Focus.it.
Una compilation di sbadigli: per quanto riuscirete a guardare questo video senza sbadigliare anche voi?

Un Sole e na Luna così non li avevamo mai visti. Questa magia è stata possibile grazie alla NASA e al suo Solar Dynamics Observatory (SDO) che, in orbita intorno al nostro astro, 2 o 3 volte l'anno si trova in una posizione privilegiata per osservare la Luna che viaggia attraverso il Sole oscurandone la vista.

Guarda le foto e i video più belli del Sole

In questa foto scattata nell'ottobre 2010 il nostro satellite si è trovato a passare tra il Sole e la sonda SDO, regalandoci immagini suggestive e interessanti dal punto di vista astronomico per lo studio dell'ombra lunare. A tal fine, all'immagine ne è stata sovrapposta un'altra tridimensionale del nostro satellite, scattata dal LDO, ossia Lunar Reconnaisance Orbiter, che permette di osservarne i crateri in bella vista regalandoci un'unica immagine suggestiva di Sole e Luna a distanza ravvicinata.

Anello di fuoco sopra l'Australia: il video in time-lapse di un'eclissi anulare.
Tre anni di Sole in 4 minuti.

Questa notte tutti col naso all'insù: sono in arrivo le Orionidi, le stelle cadenti autunnali per il loro consueto appuntamento di ottobre.
Quest'anno a godere di questo incantevole spettacolo notturno saranno gli abitanti degli Stati Uniti e dell'Europa, italiani compresi. Lo sciame di meteore nate dai detriti della celebre Cometa di Halley si presenterà ai nostri occhi con una pioggia di circa 20 stelle cadenti all'ora che attraverseranno rapide, quasi fulminee il cielo con una velocità di circa 66 chilometri al secondo.
Lo sciame delle Orionidi, che si apre a ventaglio dalla stella più luminosa della costellazione di Orione, Betelgeuse, non è il più luminoso, ma sicuramente è uno dei più belli dell'anno. Il momento migliore per osservarlo è dopo la mezzanotte.

2013, anno di comete e stelle cadenti.

Le più belle foto di stelle cadenti

Il 2 maggio di 80 anni fa i quotidani inglesi riportarono per la prima volta la notizia dell'avvistamento di un "Loch Ness Monster", una creatura mostruosa avvistata tra le acque del lago scozzese. In realtà, le prime notizie di questo mostro lacustre risalgono addirittura al 565 d.C. quando, secondo il racconto del monaco irlandese San Colombano nel suo Vita Sancti Columbae, un abitante delle coste del fiume Loch Ness, emissario dell'omonimo lago, venne assalito e ucciso da una "selvaggia bestia marina" uscita strisciando dalle acque e respinta dal monaco a suon di preghiere.
Nonostante le innumerevoli ricerche effettuate, a oggi non esiste alcuna prova scientifica dell'esistenza del mostro e molte delle foto che lo ritrarrebbero si sono dimostrate dei clamorosi falsi o non sono ritenute significative. Anche il ritrovamento di un fossile del Giurassico ritrovato per caso sulle rive del lago di Loch Ness per i paleontologi altro non sarebbe che lo scheletro di un plesiosauro, niente a che vedere con i resti di Nessie.
Eppure risalirebbe a qualche mese fa l'ennesima apparizione fotografata da George Edwards, skipper scozzese che ha dedicato la sua vita alla ricerca di Nessie (guarda la foto).

Ecco il mostro di Loch Ness che vive in Alaska: guarda il video.
I 10 luoghi più misteriori della Terra: quante ne sai?

Mentre i fortunati abitanti degli ultimi piani si godono il gelido sole dell'inverno polacco, 200 metri più in basso la Varsavia  è avvolta dalla nebbia e dallo smog.
Nei fino a un paio di secoli fa la città era chiamata anche la Parigi del Nord, per i suoi grandi viali alberati e per l'imponenza delle architetture. Ancora oggi il Palazzo della Cultura e della scienza - il primo in alto a sinistra nella fotografia - con i suoi 231 metri di altezza è uno degli edifici più alti d'Europa.

Ecco come saranno i grattacieli del futuro
Il palazzo più alto del mondo visto da vicino

Che imperatori e gli altri pinguini siano tipi strani si sapeva. Pur possedendo piume, ali, becco e depongono le uova come tutti gli altri uccelli, hanno caratteristiche uniche che li distinguono da tutti gli altri pennuti del pianeta. Una su tutte, anzichè volare nuotano: le loro ali si sono evolute fino a diventare energiche pinne, le loro ossa dense funzionano da zavorra per le immersioni, le grosse zampe anteriori in acqua diventano potenti propulsori e il loro smoking bianco e nero permette loro di mimetizzarsi sia dall'alto che dal basso.
I biologi evoluzionisti da tempo si chiedono come questi curiosi uccelli abbiano sviluppato tutte le caratteristiche peculiari che li hanno trasformati in padroni del regno marino e di come alcune specie abbiano addirittura conquistato i ghiacci dell'Antartide.
La conferma scientifica delle loro stranezze arriva da recenti ritrovamenti fossili che hanno permesso ai ricercatori di ricostruire la storia evolutiva dei pinguini. Secondo lo studio pubblicato sulla rivista Scientific American, alcune delle caratteristiche che li difendono dal freddo si sarebbero sviluppate in ambienti caldi, ma attenzione: nonostante i pinguini abbiano superato brillantemente oltre 60 milioni di anni di cambiamenti climatici, le attuali condizioni di riscaldamento potrebbero essere troppo rapide anche per la loro super-collaudata capacità di adattamento.

La marcia dei pinguini: le foto più curiose dell'uccello più strano del mondo.

Guarda anche la fotogallery dedicata al pinguino imperatore (e alla sua sfortuna cosmica) e scopri perchè le zampe dei pinguini non congelano.

L'uovo che tutti gli amanti dei dinosauri vorrebbero ricevere per Pasqua è stato battuto all'asta da Christie's lo scorso mese di aprile. Si tratta di un rarissimo uovo fossile di uccello elefante (Aepyornis) del Madagascar.
Alto 30 cm e con un diametro di 21, rappresenta l'uovo in assoluto più grande del mondo, ben 100 volte più grande di quello di gallina. A deporlo è stato un esemplare di uccello elefante, un parente dello struzzo alto oltre 3 metri e del peso di 400 chili che viveva nell’isola africana tra il XIV e XVI secolo, quando la specie si è estinta per mano dell’uomo. Per ovvie ragioni, non era in grado di volare.
Anche se in realtà i fossili di queste uova gigantesche sono abbastana comuni nel Madagascar meridionale, integri come questo sono una vera rarità tanto che il reperto è stato battuto all'asta per la stratosferica cifra di 101.813 dollari.

Anche l'Italia ha il suo (primo) plesiosauro.

Uova... con sorpresa!

Si chiama "InTempo" e con i suoi 47 piani, quando sarà ultimato (se sarà ultimato), diventerà il più alto edificio residenziale d'Europa. Lo stanno costruendo in Spagna, nel comune di Benidorm, non lontano da Alicante.

Si tratta di progetto assolutamente avveniristico: due torri gemelle alte 200 metri unite alla sommità da un cono rovesciato. E chi comprerà un appartamento tra il 21° e il 47° piano si assicurerà anche una perenne forma fisica da vero atleta. Già, perché a causa di un errore di progettazione gli ultimi 27 piani dell'edifcio non sono serviti da alcun ascensore.

Ma com'è possibile un errore del genere? Secondo i media spagnoli il progetto originale prevedeva solo i primi 20 piani: gli altri sono stati aggiunti in corso d'opera ma chi ha ridisegnato il grattacielo si è scordato dello spazio per il vano ascensore.
 
Come finirà questa incredibile vicenda? Al momento è difficile dirlo: il complesso è finito al 95% e quasi tutti gli appartamenti sono stati venduti. Nel frattempo la società costruttrice è fallita e la proprietà dell'immobile è passata in mano a una banca che non sembra intenzionata a finanziare le ulteriori modifiche necessarie a rendere abitabile il grattacielo.

Kingdom Tower: la torre più alta del mondo vista da molto vicino
Ecco come saranno i grattacieli del futuro