Curiosità

La seconda montagna della Terra è più bassa

La montagna degli italiani, il K2, nella catena del Karakorum, non è poi così alto come si pensava: è più basso di almeno un paio di metri. O quasi.

Negli anni Ottanta, per alcuni mesi, ci fu qualcuno che ipotizzò che il K2 fosse più alto dell’Everest. Fu così che si organizzarono alcune spedizioni per definire una volta per tutte la misura delle due vette. E il K2 ritornò ad essere la seconda montagna più alta della Terra.

Nel 1996 si fece un’importante spedizione scientifica per definire, con i mezzi di allora, la quota della montagna degli italiani (perché raggiunta per la prima volta da una spedizione del nostro Paese), che risultò essere di 8610,34 metri. Recentemente, però, nel corso di una spedizione congiunta tra CNR e ricercatori pachistani per rievocare quella prima ascensione di 60 anni fa, è stata rifatta la misura.

Karakorum: il K2 è più basso
Il Gps mentre viene tarato, al campo base del K2.

E il K2 adesso risulta di poco più di un metro inferiore rispetto alla misura del 1996, e precisamente 8.609,022 metri. Un valore di due metri inferiore a quello (già arrotondato) che carte, libri e mappe riportano, ossia 8611 metri.

Il rilevatore sulla cima. I sistemi di misura degli ultimi anni sono dello stesso genere, sostanzialmente rilevatori Gps. L’ultima volta, lo strumento, concettualmente simile a quello che montato su molte auto, è stato portato in cima al K2 dall’alpinista pachistano Rehmat Ullah Baig e lasciato per più di 20 minuti a rilevare il passaggio dei satelliti.

Questi strumenti, oggi, sono superiori in precisione a quelli anche del passato più recente.

A che cosa dobbiamo la differenza? È piuttosto improbabile che la montagna abbia perso tanta quota in così poco tempo, anche per erosione, o che si sia tanto ridotto il manto ghiacciato che la ricopre. La risposta è probabilmente semplice: prima dei rilevatori satellitari, l'altezza di una cima veniva calcolata con una non facile triangolazione, sfruttando cioè la geometria, considerando angoli e distanze da punti le cui quote erano note e teoricamente esatte. E da qui, si suppone, si è generato l'errore.

L’attuale rilevamento è stato diretto da Giorgio Poretti con la collaborazione dell’Università di Trieste e ricercatori di vari enti e università pachistane. La spedizione ha verificato anche le quote dei vari campi lungo i percorsi di salita, trovando errori, nei dislivelli, anche di oltre 100 metri: sono, queste, informazioni che possono rivelarsi di importanza vitale per chi si impegna in una delle ascensioni più pericolose del mondo.

Alpinismo e altri sport

21 ottobre 2014 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us