Curiosità

La musicassetta compie mezzo secolo

Compie mezzo secolo... una compilation di auguri!

Wikipedia la definisce la musicassetta come “un supporto fonografico a nastro magnetico molto diffuso e popolare fino all’inizio degli anni 2000 per la sua economicità e la semplicità d’uso”. Chi l’ha vissuta non potrà fare a meno di ricordare i mix per gli amici.

“Quanti ricordi… una compilation di auguri!”

Grazie Walkman - In principio fu Philips. Era il 1962 quando l’azienda olandese la inventò per poi metterne in commercio i primi esemplari l’anno successivo. Si trattava di un contenitore in plastica con due bobine che avvolgevano un nastro magnetico prodotto da BASF e che “tentava” di imporsi in un mercato affollato da supporti analoghi, sempre basati su un sistema di cartuccia a nastro. La popolarità vera arrivò, però, solo nel 1979 grazie a Sony e al suo Walkman. Ambito come un iPod, permetteva per la prima volta di ascoltare musica ovunque. Fino a esaurimento pile.

Mi ami? Fammi una cassetta! - Grazie alla semplicità con la quale si potevano riversare su nastro canzoni di ogni tipo, presto si affermò la moda delle compilation. Una vera e propria arte che aiutava a fare breccia nel cuore della ragazzina più carina, magari personalizzando la copertina con scritte e disegni rigorosamente vergati a mano. Le canzoni scelte diventavano la colonna sonora di amori adolescenziali - e le cassette, spesso, duravano altrettanto: il nastro si rompeva facilmente e, quando resisteva, potevamo sempre registrarci sopra qualcosa di nuovo, magari con l’aiuto di un paio di pezzi di scotch.

Un simbolo - La musicassetta, per chi ha vissuto gli anni Ottanta e Novanta, non è un semplice oggetto di modernariato. Nonostante l’avvento dei Cd ha goduto di buona salute, grazie al prezzo più abbordabile, fino alla graduale scomparsa dovuta agli Mp3. Basta una rapida ricerca in Google Immagini per rendersi conto di come sia diventata un simbolo intramontabile. Tanto da farsi ricordare in occasione del suo cinquantesimo compleanno. Chissà se ci ricorderemo allo stesso modo anche di quello dei nostri iPod? (sp)

Chiara Reali

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

Wc, coltelli & co: ecco i lettori mp3 più pazzi

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

8 gennaio 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us