Curiosità

La matematica del voto americano

Chi ha vinto, ha preso più voti? Com'è cambiata la mappa politica degli Usa rispetto a 4 anni fa? Nel tanto osannato sistema americano, Barack Obama riuscirà a governare? Ecco le risposte, in pillole.

I risultati delle elezioni in Usa si prestano ad alcune semplici considerazioni a cavallo tra statistica e politica. La prima notizia (buona) è che ha vinto il candidato che ha preso più voti popolari. Una cosa non ovvia nel sistema elettorale americano. Nel 2000, per esempio, Al Gore ottenne oltre mezzo milione di voti in più rispetto a Gorge W. Bush (il 48,38% contro il 47,87%) ma perse nel computo dei grandi elettori, sia pure dopo un lungo e contrastato conteggio delle schede elettorali. Barack Obama ha invece ottenuto circa 2,5 milioni di voti in più rispetto a Mitt Romney: il 50,3% del totale contro 48,1% dell'avversario.

La seconda cosa che si nota è che gli elettori americani sono molto conservativi. Esistono Stati tradizionalmente democratici e altri tradizionalmente repubblicani. Gli Stati della costa occidentale e quelli delle grandi metropoli del nord-est (New York, Boston, Washington), per esempio, sono roccaforti democratiche; tutti gli Stati della fascia centrale sono repubblicani, Colorado e New Mexico a parte. Anche in questo caso la tendenza si conferma: rispetto alle elezioni di 4 anni fa, 48 Stati su 50 hanno votato allo stesso modo (guardando più indietro, non era andata molto diversamente neanche nel 1992, quando Bill Clinton sconfisse Gorge Bush padre). Le uniche differenze riguardano Indiana e North Carolina, che allora furono appannaggio del democratico Obama e quest'anno invece sono passati al repubblicano Romney.

Il secondo punto ci porta automaticamente al terzo. Gli statunitensi hanno rinnovato la fiducia al loro primo presidente di origine afroamericana, ma con riserva. Obama, rispetto a 4 anni fa, ha perso voti praticamente in tutti gli Stati. In media è calato del 2-3%, in qualche caso anche del 5. In sostanza, la vittoria è stata molto più risicata rispetto a 4 anni fa. E questo si riflette anche sulla composizione del Congresso, che in questa consultazione elettorale vedeva l'elezione di tutti i membri della Camera dei Rappresentanti e di 33 senatori su 100. Il risultato è che i repubblicani hanno confermato la maggioranza alla Camera che avevano conquistato con le elezioni di medio termine, due anni fa, mentre al Senato la maggioranza è democratica, ma di pochissimo: Obama potrà contare su un numero di senatori compreso tra 51 e 54, a seconda di come si concluderà lo spoglio. In ogni caso non servirà a molto: il regolamento del Senato Usa prevede infatti che per arrivare a votare una proposta servano 60 senatori favorevoli. È grazie a questo meccanismo che in questi anni il Senato ha bloccato molti progetti di legge di Obama.

7 novembre 2012 Gianluca Ranzini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us